Buongiorno, il mio fidanzato (di 24 anni alto circa 175cm) circa 3 settimane fa si è accorto che nel momento in cui abbassava la testa in avanti o si sdraiava, gli si gonfiava la tempia destra. il gonfiore è ancora presente ed è come se ci fosse una sacca nella tempia che si riempe di liquido ogni volta che si mette in una delle posizioni sopra citate.Siamo stati al ps e sono stati a dir poco incompetenti e assolutamente poco curanti del problema. Gli hanno solo misurato febbre e pressione (su mia richiesta perchè altrimenti non l'avrebbero nemmeno visitato) e gli hanno fatto un'impegnativa per una visita neurologica dato che non avevano idea di cosa potesse essere. Ora tralasciando il fatto che non si sono nemmeno scomodati a fargli una visita tattile o qualche esame di accertamento già in ps, dopo due giorni il mio fidanzato è stato dalla neurologa, la quale ovviamente senza una risonanza o una tac o un qualsiasi esame in mano non sapeva che pesci pigliare. Gli ha fatto una visita neurologica di routine e gli ha prescritto una risonanza ma nemmeno lei ha saputo dire cosa potrebbe essere il problema. Una volta fatta la risonanza abbiamo ritirato gli esiti e abbiamo trovato mille paroloni incomprensibili ma da quel poco che abbiamo capito non se ne poteva venire ancora a capo. L'esito è stato fatto vedere al medico di base il quale ha prescritto esami con mezzo di contrasto, esami del sangue e un'altra risonanza.Ora vorrei trascrivervi l'esito di modo da avere un ulteriore parere magari di medici più competenti e più scrupolosi di questi incapaci che abbiamo incontrato finora. Attendo una risposta per favore perchè stiamo iniziando a preoccuparci seriamente che stiano sottovalutando la cosa. Grazie anticipatamente.ESITO RMN cervello e tronco encefalico base: esame eseguito con sezioni assiali, sagittali e coronali TSE T1 e T2, T2 STIR, EPI SW, DW e FLAIR senza somministrazione di contrasto. In fossa posteriore il quarto ventricolo è mediano, normale. regolari gli spazi liquorali sottotentoriali. non evidenti alterazioni del segnale del parenchima tronco-cerebellare. Pervi l'arteria basilare e i seni traverso-sigmoidei. il sistema ventricolare sovratentoriale è in asse, di normali dimensioni, non focalmente deformato. regolari gli spazi liquorali delle convessità. Non evidenti alterazioni del segnale del parenchima cerebrale in condizioni basali. la sequenza è in diffusione è negativa. Vasi del poligono di willis regolarmente privi di seganle per la presenza di libero flusso. regolari le regioni sellare e pineale. Normalmente pneumatizzati i seni paranasali e i massicci petro-mastoidei. In corrispondenza delle fosse temporale e infratemporale destra, adiacente alle pareti laterali dell'orbita e del seno mascellare, che non sembrano erose o infliltrate e non dissociabile dal muscolo temporale, è apprezzabile neoformazione con diametri di circa 9x3cm, a segnale iperintenso in T2 e isointenso in T1, di aspetto polilobulato e con presenza di immagini rotondeggianti marcatamente ipontense nel contesto, di possibile significato vascolare o calcifico. Per una migliore definizione della lesione, che appare solida e non presenta sicuri segni di aggressività locale, forse di significato angiomatoso, si consigliano completamento con mezzo di contrasto e approfondimento con TC del massiccio facciale.