12-06-2018

Terapie per Escherichia coli

Salve, soffro da 5 mesi di problemi nelle zone basse. Iniziò tutto a Febbraio, un giorno avevo strani bruciori intimi sono andata dalla ginecologa che mi ha trovato la candida e mi ha prescritto una cura. La cura aveva funzionato per metà, perché un po' aveva alleviato i bruciori, ma avvertivo problemi alla vescica dato che urinavo spesso. Vado a fare un'urinocoltura risultata positiva all'escherichia coli e un tampone vaginale positivo all'enterococco faecalis.

Curo entrambi con due tipi diversi di antibiotici. A fine cura, i sintomi non erano spariti e a distanza di un paio di settimane (se non addirittura un mese e qualche giorno, non ricordo bene), rifaccio l'urinocoltura che risulta negativa e il tampone vaginale, in cui invece risulta come organismo selezionato, nuovamente escherichia coli. Ho preso per altri sei giorni il ciproxin, ma niente da fare, i sintomi non sono passati e il lieve bruciore e anche fastidio nell urinare è ancora lì.

Non voglio ammazzarmi di antibiotici, comeposso eliminare questo batterio che mi tormenta?? Avrà sviluppato resistenza agli antibiotici e in caso come si cura? Ho provato anche 30 pasticche naturali a base di D-mannosio, ma i sintomi permangono in vagina. Vi prego di rispondere e ringrazio in anticipo.

Risposta

Gentile signorina o signora(?), i suoi sintomi sono molto comuni e una infiammazione dovuta a germi misti con uso di farmaci elettivi è la giusta via per risolvere il problema. Mi pare che non siano stati usati farmaci locali(ovuli) per E.Coli,difficilmente la terapia orale arriva a giuste dosi in vagina.Fidanzata ? o sposata, o vergine sono tre condizioni per trattamenti differenti. Se presente un partner bisogna coinvolgerlo nella terapia.Saluti.

TAG: Batteri | Disturbi dell'apparato uro-genitale | Farmacologia | Infezioni | Malattie infettive | Microbiologia e virologia | Salute femminile | Terapie | Urologia | Virus