Buonasera dottori. Incomincio a dire che sono molto spaventato. È iniziato tutto due mesi e mezzo fa. Dopo due settimane di diarrea continua e di tre sanguinamenti avvenuti all'inizio, quando lentamente stavo guarendo, improvvisamente ebbi un forte mal di schiena che partiva dalla parte bassa della schiena e a volte da sdraiato in posizione fetale finiva per irradiarsi fino al ginocchio della gamba sinistra. Per due giorni lo soffrì abbastanza. Ero in un periodo di fortissimo stress per il problema della diarrea (pensavo fosse un tumore al colon). Passò pian piano con della tachipirina.Quando iniziò a passarmi, esattamente un giorno e mezzo dopo, accadde una cosa che ora mi sta divorando per la paura. Mentre lavoravo accusai improvvisamente una debolezza alla gamba sinistra. Non ci feci molto caso. Il giorno dopo anche il braccio sinistro. Andai subito al pronto soccorso, mi visitarono e risultarono dei riflessi vivaci prevalenti alla gamba sinistra e qualche sfumatissimo deficit. Mi consigliarono una rmn al cervello e alla schiena con mdc per sospetto di sindrome diemelinizzante. I disturbi peggiorarono tre settimane dopo,perché si erano aggiunte rigidità muscolare e pesantezza alla gamba sinistra e anche un pochino al braccio,ma meno. Andai di corsa al PS, mi feci ricoverare e feci molti esami,rachicentesi,emg e una risonanza alla schiena con contrasto.Rachicentesi negativa,emg pure(dopo tre settimane dai disturbi penso fosse normale) e unica cosa riscontrata che loro correlano ancora ai mei sintomi:UN INTENSA IMPREGAZIONE CONTRASTOGRAFICA,LINEARE ED OMOGENEA DELLE RADICI S1,BEN RICONOSCIBILE DALLA CAUDA EQUINA SINO AL LIVELLO DEL FORAME,REPERTO PIÙ SPICCATO A DESTRA E NEL COMPLESSO RIFERIBILE A FENOMENI INFIAMMATORI(RADICOLITE?) Dagnosi alla dimissione: LIEVE SCREZIO POLIRADICOLONEVRITICO ACUTO SU BASE INFIAMMATORIA A PREVALENTE LOCALIZZAZIONE LOMBO-SACRALE(RADICI CAUDA EQUINA).CARENZA DI ACIDO FOLICO.Ho effettuato una terapia di immunoglobuline di cinque giorni che però poi non è servita a niente. I sintomi sono peggiorati e si sono aggiunte fascicolazioni fastidiose e costanti quando sono fermo alla gamba sinistra.Non mi danno tregua neanche per dieci secondi,se non la mattina per poco. Oggi ho effettuato una rmn alla schiena con contrasto e martedì prossimo avrò una visita e dei risultati. Tutti i neurologi sino ad ora mi hanno detto che il mio non è un quadro da Sla e che nella sla,in un così breve spazio di tempo da quello che mi era successo,non si trovano riscontri nella schiena. La cosa che mi fa più paura sono queste fascicolazioni costanti apparse un mese e mezzo dopo gli altri disturbi localizzate,che sono state riscontrate solo una volta in un esame clinico il 4 gennaio al polpaccio,poi mai più in altre due visite.Cosa ne pensate? Un neurologo molto bravo e conosciuto dalle mie parti che mi ha visitato in questi giorni ha escluso la sla,dato che nemmeno lui ha evocato fascicolazioni e non ha riscontrato problemi di forza,correlando tutto a quell'infiammazione. Le neuropatie periferiche possono anche dare rot vivaci?