12-06-2017

Test da sforzo positivo e scintigrafia negativa

Salve dottore, sono una donna di 43 anni, peso 70-75 kg e sono alta 151 cm, ho fatto un ecg perché quando cammino ho affanno e dolore al petto ed è risultato anomalia di ripolarizzazione. Ho fatto un test da sforzo: positivo per segni ecg-grafici (diffuse anomalie di ripolarizzazione all'ecg basale che si accentuano durante lo sforzo). Poi l'ho rifatta con scintigrafia: la frequenza cardiaca a riposo inizialmente era di 98 bpm; è salita ad una frequenza cardiaca massima di 169 bpm,che rappresenta il 95% della frequenza massima prevista per l'età. La pressione sanguigna a riposo era di 125/75 mmhg;è salita ad una pressione massima di 165/85 mmhg. Il test è stato arrestato a causa di dispnea ingravescente.

Sommario: disturbi tipo angina pectoris, all'acme senso di oppressione retrosternale. Conclusioni: All'acme accentuazione del sottoslivellamento st in inferolaterale. Test positivo per ischemia inducibile ai carichi ed fc raggiunte. La durata è di 4:21 min:sec con lavoro di carico max 75 watt. La scintigrafia normale perfusione sotto sforzo e a riposo. La prima prova da sforzo pure ho avuto dispnea e dolore quando ho finito l'esame. La mia domanda è se il test è inattendibile oppure la scintigrafia può essere dubbia. Il dottore mi parlava di vasi piccoli che non si vedono né nella scintigrafia e né nella coronarografia.

Risposta di:
Prof. Luigi Iorio
Specialista in Cardiologia e Medicina interna
Risposta

Gentile si.ra, la sua condizione non è da sottovalutare. La scintigrafia cardiaca ha dei limiti nel verificare la presenza di alcune zone ischemiche, sebbene la tachicardia già presente a riposo e più evidente dopo sforzo è segno di sofferenza. Prima di tutto andrebbero fatti tutti una serie di accertamenti per verificare l'esistenza di uno stato infiammatorio ed un eventuale dismetabolismo. Infatti dai dati che mi riferisce è in chiaro sovrappeso e quindi è da analizzare il metabolismo glucidico. Si affidi al suo cardiologo, che la consiglierà per il meglio. Saluti prof Luigi Iorio

TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!