Buongiorno e scusatemi per l'eccessiva lunghezza del quesito .Vorrei conoscere il vostro parere circa il mio caso. Soffro di ipertrofia prostatica diagnosticata già nel 2001, a seguito di un'infezione batterica con febbre e difficoltà minzionali (Psa 4,7 nghl). Una successiva ecografia pelvica e renale confermò l'ipertrofia prostatica con flogosi... Leggi di più diffusa e reni con ecostruttura regolare. Nel marzo 2004 (Psa 6.91) fui sottoposto ad ecografia prostatica transrettale con diagnosi TRUS: multiple aree ipoecogene pericapsulari bilaterali; DRG: I grado, fibro-parenchimatosa,non dolente,limiti sfumati,non noduli palpabili. A seguito di ciò fui sottoposto ad una prima biopsia prostatica (7 prelievi) eseguita nel 2004 con diagnosi di "iperplasia fibroleiomiomatosa della prostata(frammenti).Immunoreattività con siero anti citocheratina B (34beta E 12): positivo. Nel 2005 ulteriore eco transrettale: prostata di volume medio diam. AP 27.5; L.L. 51,9; C.C. 40,4. Ecostruttura parenchimale disomogenea-capsula periferica integra.(Psa 12.22-libero 1,4). Nel 2006 aumento del Psa a 16.90 (lib. 2,6) con nuova eco e nuova biopsia (8 prelievi) con diagnosi: Iperplasia adenomiomatosa con aree di atrofia ghiandolare e di infiltrato infiammatorio cronico. Terapia: Avodart - Omnic . Nel 2009 Psa tot. 12,13; lib.2,30; ratio 0,19. Nel 2010 Psa 12,48 e nuova eco transrettale " prostata aumentata (95 ml), mantello periferico con ecostruttura omogenea.In sede centrale presenza di adenenomiomatosi entrambi i lobi con dilatazione degli acini ghiandolari. Modesto aggetto di terzo lobo endovescicale. Vescicole seminali simmetriche ed omogenee. Terapia: Permixon-Omnic e richiesta biopsia. Richiesta Rm pelvi con Mdc. Eseguita 08-2010, con esito: Prostata aumentata (61 x 45 mm), con aggetto endocistico, ad intensità di segnale disomogenea per presenza di aree nodulari che interessano in particolare l'emighiandola sx, dove in sede apicale periuretrale si evidenzia formazione nodulare di 12 mm. di dubbio significato diagnostico. Non evidenti alterazioni del grasso perivescicale e degli organi circostanti. Vescica a pareti ispessite come da vescica da sforzo. Nuova biopsia per approfondimento diagnostico per sospetta neoplasia focale lobo sx. Biopsia eseguita (09-2010) con 12 prelievi. Diagnosi: Frustoli di prostata con cospicua infiltrazione flogistica linfoplasmacellulare e granulocitaria neutrofila. Conferma terapia in atto. Nuova eco transrettale (10-2010) : Prostata aumentata (diam.AP 51; LL 57; diam.long.63; vol.94) - Lobi laterali con ecostrutt. diffusamente disomogenea con area nodulare ipoecogena a sx di mm.7 che non presenta aumento di vascolarizzazione al segnale color e Power Doppler. Lobo medio di volume aumentato a struttura disomogenea con piccole calcificazioni inscritte ad aggetto endocistico. Plesso venoso periprostatico nella norma. Residuo post-minzionale di ml.32. Nel 05-2012 Psa tot.15,01. Nuova eco transrettale (07-2012) con esito: Prostata volume aumentato 86 ml. (diam.AP 53; LL 59; diam.long. 51). Lobi laterali con ecostruttura diffusamente disomogenea con piccole cisti da titenzione inscritte. Assenza di noduli periferici. Capsula integra. Lobo medio ad ecostruttura disomogenea con aggetto endocistico. Si segnalano alcune calcificazioni periuretrali. Assenza alterazioni degne di rilievo al segnale color Doppler. Vescichette seminali normali per volume e struttura ( diam. AP 12 mm.). Plesso venoso prostatico nella norma. Terapia antibiotica per 5 gg. con Zetamicina i.m. 300 mg. Richiesta controllo Psa dopo 10 gg. con esecuzione Phi. Esito : Psa tot. 16,95; psa free 1,91; rapp. Fpsa/Tpsa 0,11; Phi 53,93.