Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

14-04-2017

Un nodulo tiroideo può agire sulla libido?

Sono triste senza particolari motivazioni ed ultimamente avevo subito anche un grosso calo della libido (sono sposato). Il tutto con in aggiunta fatica a deglutire, bevendo per così dire "a canna" dalla bottiglia, affanno dopo sforzi non eccessivamente impegnativi (sono uno sportivo e un poliziotto quindi sono molto allenato e sopporto la fatica normalmente senza problemi).
Il mio dottore (endocrinologo) dopo una visita mi ha prescritto esami del tsh ft3 e ft4 con ecografia tiroide e paratiroidi. Gli esami risultano nella norma, mentre dall'ecografia risulta incremento volumetrico della regione istmica occupata da macronodulo, formato da più noduli, che misura 50x24x30mm e presenta alcune colloidi e macrocalcificazioni. Il passo successivo è stato fare altri esami anticorpi antirecettori tsh, anti tireglobulina, antitireoperossidasi, calcitonina ed emocromo. Unico valore sballato sono risultati i leucociti (4,30 su 4,50-9,80).
Dopo di che effettuata scintigrafia con risultato: Voluminoso struma con area ipo-iso captante in corrispondenza della nota nodulazione istmica. Lieve disomogeneità strutturale sul restante ambito ghiandolare, senza focalità di rilievo scintigrafico. Ago aspirato con esito negativo. Formazione nodulare cistica.

Il mio endocrinologo in aggiunta mi ha anche fatto fare i seguenti esami:

  • testosterone 3,89 ng/mL ( 1,75 - 7,81)
  • testosterone libero 19,31 pg/ml ( 20,8 - 64)
  • shbg 35,50 nmol/L (11-78)
  • lh 5,70 mU/ml (1,24 - 8,62)
  • fsh 5,37 mlU/mL (1,27 - 19,26)
  • 17 beta estradiolo 20 (< 47)
  • prolattina 6,04 ng/ml ( 2,61 - 14,13)
  • cortisolo 10,00 ug/dl (3,7 - 19,4)
  • vitamina d3 22 microgr/l (31 - 99)

Fatta questa lunga ma credo doverosa premessa mi chiedo quindi se nonostante i valori siano normali il nodulo sia la causa di tutti questi sintomi anche se non è nulla di particolare ad eccezione del fatto che va rimosso perché grosso e perché preme sulla trachea. Il mio medico sostiene che comunque vi è un malfunzionamento della tiroide visto il nodulo che si è formato ed anche se i valori ormonali e del sangue sono nella norma, tutti i miei problemi si spiegano con questo nodulo tiroideo.

Dai risultati poi il testosterone libero è leggermente basso e la vitamina d carente, però mi è stato detto dall'endocrinologo che non occorre fare nulla e stare tranquillo. Secondo voi devo chiedere parere di un altro endocrinologo? se quei 2 valori sono bassi non bisognerebbe effettuare qualche terapia? cosa comportano quei valori più bassi della norma anche se di poco? Astenia, affanno giramenti di testa e calo della libido possono essere spiegati da questi esami e superati? Volevo avere anche qualche parere da voi specialisti. Giusto per scrupolo volevo iniziare a sentire qualche altro parere per decidere se eventualmente dare tutto in mano ad un altro specialista ed avere un secondo parere dal vivo. Se invece anche voi doveste concordare col comportamente del collega procederò in questa direzione. Grazie e distinti saluti.

Risposta di:
Dr.ssa Ilaria Giordani
Specialista in Diabetologia e malattie del metabolismo e Endocrinologia e malattie del metabolismo
Risposta

Non vedendo gli esami della tiroide non posso esprimermi sulla funzione tiroidea. Il dosaggio del testosterone libero è molto "labile" per cui non andrebbe richiesto perché suscettibile di poca precisione. D'alta parte il testosterone totale è normale. A mio avviso l'affanno potrebbe essere spiegato dal voluminoso nodulo. La vitamina D potrebbe essere integrata.

TAG: Biochimica clinica | Endocrinologia e malattie del ricambio | Esami | Ghiandole e ormoni | Organi Sessuali | Patologia clinica
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!