Devitalizzazione della radice

Quando una persona mangia o beve, i cibi e i liquidi che contengono zuccheri e amidi sono spesso depositati sui denti. I batteri presenti nella cavità orale si combinano con i residui alimentari rimasti sui denti, formando composti acidi. Sotto lo smalto dei denti c'è la polpa dentale, un tessuto morbido che contiene i nervi, i vasi sanguigni e il tessuto connettivo. La polpa dentale si estende dalla corona del dente fino alla radice. Se la carie riesce a raggiungere la polpa, è necessario devitalizzare la radice. Durante la devitalizzazione della radice, il dente e la zona circostante vengono anestetizzate. Nel dente viene creata una cavità con il trapano, per poter asportare la polpa dentale. I canali vengono quindi ripuliti e riempiti con materiali specifici. Infine, viene messa sul dente un'otturazione permanente, o corona. Questo procedimento può presentare diverse potenziali complicanze, che devono essere discusse con un medico prima dell'operazione.