Wasabi: proprietà e benefici

Wasabi: proprietà e benefici

Radice giapponese, il wasabi non è solo un gustoso ravanello dal sapore deciso e piccante, ma ha effetti benefici sull'organismo. Scopriamoli insieme.
In questo articolo:

Il wasabi è la spezia orientale più conosciuta nel mondo occidentale, soprattutto quando associata ai ristornati di sushi.

Nome scientifico “Eutrema japonicum”, appartenente alla famiglia delle brassicaceae, il wasabi è una piantina “totalmente” giapponese, anche se spesso – e in malo modo – viene imitato fuori dai confini di questo Paese se non addirittura contraffatto, considerato il suo costo elevato. In questo caso il prodotto viene abilmente “tagliato” con spezie e rafano, in modo tale da renderne il sapore invitante anche a lunga conservazione. Un vero e proprio affronto.

Com’è fatto il wasabi

Come può declinarsi questa “spezia del Giappone” (che non ama il sole bensì l’acqua ed è “attratta” dalla terra vulcanica)?

Prima di tutto occorre sottolineare che, grattugiando il suo rizoma (fusto) si ottiene un prodotto pastoso dal colore verde, ma anche gambo, foglie e fiorellini possono essere usati nelle ricette di cucina, tanto nella madrepatria quanto all’estero.

Il wasabi – la cui radice viene utilizzata per la preparazione della nota salsa, usata come condimento per accompagnare il pesce crudo ma anche la carne – andrebbe servito fresco e grattugiato sulla pietanza non oltre quindici minuti prima di mangiarla. È questo, infatti, il modo per preservare le proprietà organolettiche del wasabi.

Dato curioso (e per certi versi sorprendente): non esiste una stagione vera e propria per la raccolta di questa pianta; il wasabi può essere coltivato, infatti, nel corso dell’intero anno, monitorando lo stato di crescita delle piantine nelle coltivazioni cosiddette “a tatami” (ovvero a terrazze). È una spezia molto difficile da coltivare, difatti occorrono anche cinque o sei anni per ottenerne i semi.

Il gusto del wasabi

Quando si descrive il wasabi non si può trascurare l’aura in qualche modo “evocativa” che lo circonda. Ma per chi non ha mai avuto modo di assaggiarlo – per mancanza di opportunità più che di voglia vera e propria – l’interrogativo sorge spontaneo: che sapore ha il wasabi? In realtà il gusto particolare che lo caratterizza rende ardua qualsivoglia similitudine: ad alcuni il sapore ricorda molto quello del rafano e della senape (effettivamente, il wasabi fa parte della medesima famiglia del ravanello comune e a quella del rafano e della senape), ad altri rievoca il gusto del daikon, un ortaggio di origini asiatiche ritenuto un brucia-grassi naturale. A ciascuno il suo, insomma.

Quali sono le proprietà del wasabi

Antibatterico e antisettico, anticancro, balsamico ma anche afrodiasiaco. Oltre al suo gusto particolare, la salsa wasabi – dalla consistenza pastosa, viene commercializzata in tubetti simili a quello del dentifricio – “custodisce” vitamina A e vitamine del gruppo B (B1, B5, B9). Senza dimenticare il suo apporto di ferro, magnesio, sodio, potassio e zinco.

Piaccia o meno (a livello di sapore), il wasabi è “portatore sano” di proprietà benefiche che, nell’incipit, sono state presentate:

  • Antibatterico, aiuta,ad esempio, la salute dentale ostacolando il proliferare di batteri che si formano all’interno del cavo orale;
  • Antisettico, è ricco di vitamina C e rallenta lo sviluppo dei microbi, all'esterno, sulla superficie o all'interno di un organismo; per questo è ideale per accompagnare pesce crudo;
  • Anticancro, il wasabi è ricco di precursori di sostanze fitochimiche in grado di attivare, nel fegato, enzimi che disintossicano agenti cancerogeni ancor prima che possano nuocere all’organismo, innescando il tumore;
  • Balsamico, è un vero e propria toccasana per le vie respiratorie, soprattutto in caso di raffreddore;
  • Afrodisiaco, secondo i giapponesi la salsina del wasabi riuscirebbe a pungolare il desiderio sessuale, favorendo l'erezione e non solo.

Insomma una spezia dalle innumerevoli sfaccettature, sicuramente da non trascurare (né in cucina, né per la salute).

Leggi anche:
Sia come radice sia come ingrediente base delle più note caramelle, la liquirizia ha numerosi benefici per la salute se assunta in quantità controllate.
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Scienza dell'alimentazione
Napoli (NA)
Specialista in Scienza dell'alimentazione e Igiene e medicina preventiva
Arezzo (AR)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Scienza dell'alimentazione e Statistica Medica
Enna (EN)
Specialista in Scienza dell'alimentazione e Statistica Medica
Avellino (AV)
Specialista in Scienza dell'alimentazione e Statistica Medica
Ostellato (FE)
Specialista in Scienza dell'alimentazione e Malattie dell'apparato respiratorio
Reggio nell'Emilia (RE)
Specialista in Medicina generale e Scienza dell'alimentazione
Venezia (VE)
Specialista in Dietologia e Scienza dell'alimentazione
Roma (RM)
Specialista in Scienza dell'alimentazione
Genova (GE)
Specialista in Medicina interna e Pediatria
Prov. di Roma