Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

09-01-2003

Devitalizzazione della radice

Salve mi chiamo Debora, non ho mai avuto problemi ai denti da piccola ma ora sono dovuta andare dal dentista per un forte Dolore a due molari mi è stato detto che sono cariati e le Carie sono molto profonde e vanno devitalizzati. Oltre a questo mi sono state trovate altre Carie di cui una all''interno di un incisivo superiore. Vorrei sapere come si svolge l''intervento di devitalizzazione e di otturazione dei denti e se il materiale usato deve per forza essere la "pasta nera" con cui sono stati otturati i denti a mia sorella. Grazie.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
La “devitalizzazione” è una procedura che si effettua in anestesia locale e consiste nell’asportare il contenuto interno di un dente, principalmente il “nervo” per evitare che l’infezione di propaghi all’interno del dente fino a dare problemi all’apice dello stesso. Questa procedura può essere eseguita in un unico appuntamento ovvero può richiedere più appuntamenti. Si utilizzano degli strumenti sottili come degli “aghi” per entrare all’interno del dente che deve essere preventivamente aperto con il trapano. Dopo la “devitalizzazione”, il dente sarà otturato o ricostruito. Il materiale da otturazione può anche essere estetico, in genere resina composita o ceramica organica. In genere oggi si tende a non usare più il vecchio materiale da otturazione (amalgama d’argento). Quanto più grande sarà la ricostruzione tanto meno opportuna è l’otturazione, in quanto poco resistente per sostenere il carico masticatorio. In aggiunta, se il dente da ricostruire è devitalizzato, sarà più opportuno un restauro diverso, poiché il dente è ancora più fragile e rischia di fratturarsi. In questi casi si consiglia come restauro una corona in metallo/ceramica o un intarsio in ceramica o resina.
TAG: Bocca e denti | Odontoiatria
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!