Ipertrofia: fisiologica e patologica

Per ipertrofia si intende l'aumento del volume delle cellule che costituiscono un organo o anche un tessuto. L'ipertrofia non riguarda l'aumento del numero di cellule all'interno dell'organo o del tessuto in questione, ma ciò che aumenta sono le dimensioni. La maggior parte delle cellule del nostro organismo possono diventare ipertrofiche. L’ipertrofia può essere dovuta ad un carico di lavoro eccessivo che stimola proteine sensibili allo stiramento, essa è infatti il risultato di una sintesi di maggiori quantità di proteine strutturali della cellula. Le forme più comuni di ipertrofia sono quelle relative ai cardiomiociti e alle fibrocellule muscolari dell’utero. .

 

I diversi tipi di ipertrofia

L' ipertrofia è possibile distinguerla in fisiologica e patologica.
  • Ipertrofia fisiologica: ripetuta mensilmente consiste nell'aumento del volume della massa muscolare dell'utero o dell'epitelio secretivo durante il ciclo uterino, la cui rimozione avviene in seguito alla mestruazione;
  • Ipertrofia patologica: sono indotte dall'ambiente esterno che sottopone a sforzi la cellula, come ad esempio nell'azione degli ormoni;

 

Un esempio di ipertrofia è quella che si realizza nelle cellule cardiache dei pazienti ipertesi in cui non potendo aumentare di numero esse aumentano di dimensione. Anche nei culturisti si verifica l'ipertrofia dato che si espongono ad un sovraccarico di lavoro elevato essi sintetizzano una maggiore quantità di proteine strutturali della cellula, aumentando il volume e la forza dei loro muscoli.

Leggi anche:
La cellula: unità fondamentale dell'organismo
Scopri che cos'è la cellula e il processo di mitosi.