Insufficienza Venosa Cronica: sintomi, cura e prevenzione

Insufficienza Venosa Cronica: sintomi, cura e prevenzione

Caratterizzata da un difficoltoso ritorno venoso al cuore, l'insufficienza venosa cronica può essere suddivisa in organica e funzionale.
In questo articolo:

Che cos'è l'insufficienza venosa cronica

L'Insufficienza Venosa Cronica (IVC) è un disturbo caratterizzato da un difficoltoso ritorno venoso al cuore.
L’IVC può essere suddivisa in due grandi gruppi, a seconda della causa prevalente: IVC organica – causata da vere e proprie alterazioni alle vene – e IVC funzionale, dovuta ad un’iperattività delle vene che, seppure normali e non malate nel senso tradizionale del termine, sono obbligate ad un lavoro eccessivo.

L'Insufficienza venosa cronica è una condizione rilevante sia dal punto di vista epidemiologico che per le conseguenze economico-sociali: si calcola che circa il 30% della popolazione italiana femminile e il 15% di quella maschile ne sia affetta in varia misura.

Cause dell'insufficienza venosa cronica

L'Insufficienza venosa cronica è causata da problemi circolatori: il Sangue venoso – che dovrebbe tornare verso il cuore dalla “periferia” del corpo grazie all'elasticità della parete venosa – tende invece a ristagnare nelle vene delle gambe.

L'IVC organica è spesso causata da varici (dilatazioni permanenti della parete delle vene) la cui formazione è legata al numero di gravidanze, all’uso di anticoncezionali orali, alla ritenzione idrica, al sovrappeso, alla stipsi cronica, alla familiarità e al tipo di lavoro svolto.

L’IVC funzionale è invece causata da un sovraccarico di lavoro delle vene provocate da postura errata, alterazioni della pompa muscolare o linfedema.

Sintomi e diagnosi dell'insufficienza venosa

L'Insufficienza Venosa Cronica si manifesta attraverso sintomi a carico degli arti inferiori che vanno dal semplice gonfiore fino ad alterazioni più severe: pesantezza delle gambe, formicolii, prurito, bruciori, dolori e crampi notturni, capillari in evidenza, alterazioni cutanee, vene varicose, ulcerazioni.

Questi segnali possono manifestarsi in qualsiasi periodo dell'anno, ma si accentuano soprattutto durante i mesi estivi.

La diagnosi è essenzialmente clinica. In molti casi è possibile fare una diagnosi precisa con ecocolordoppler, un esame innocuo e indolore che valuta la morfologia e la funzione delle vene degli arti inferiori.

Complicazioni dell'IVC

L'Insufficienza Venosa Cronica ai primi stadi non rappresenta un problema grave. Non va però trascurata perché i sintomi, inizialmente lievi, tendono col tempo ad aggravarsi: il ristagno del sangue comporta un aumento della pressione nelle vene e il disturbo tende ad aggravarsi col tempo; favorisce inoltre infiammazioni che possono ledere le cellule delle pareti dei vasi.
L'IVC può favorire anche la comparsa di complicanze quali flebiti, trombosi o ulcerazioni e di altri disturbi come la cellulite e le emorroidi.
La complicanza più temibile è la Trombosi Venosa Profonda (TVP).

Trattamento dell'insufficienza venosa cronica

La terapia dell'Insufficienza Venosa Cronica dipende dalla causa. Se provocata da varici, è sufficiente la loro asportazione o sclerosi, con guarigione e totale scomparsa dei sintomi. Nei casi di problemi del circolo profondo vanno invece prescritte speciali calze elastiche. I farmaci servono soprattutto a diminuire l’entità dei disturbi, ma non sono in genere risolutivi della causa.

Per l’IVC funzionale – causata da un deficit posturale o da un linfedema – oltre alla calza elastica e ai farmaci va prescritto un plantare emodinamico flebologico, che ha lo scopo di favorire la pompa muscolare. Possono essere utili anche fisioterapia e massaggi.

Insufficienza venosa cronica: come prevenire?

La prevenzione dell'IVC è molto importante, soprattutto in condizioni predisponenti (familiarità, lunghi periodi di stazione eretta, gravidanza) e per rallentare la progressione della malattia.

Ecco alcuni consigli:

  • utilizzare le calze elastiche, strumento importantissimo per la prevenzione e la cura di tutte le malattie venose;
  • evitare di stare in piedi fermi per lunghi periodi di tempo;
  • alzarsi di frequente sulle punte dei piedi (questo esercizio stimola la pompa muscolare del polpaccio, spingendo in alto il sangue);
  • camminare il più a lungo possibile;
  • dormire con gli arti inferiori sollevati di circa 15 centimetri, sollevando il letto dalla parte dei piedi con uno zoccolo di legno o con un cuscino sotto il materasso;
  • evitare forme di calore diretto sulle gambe (il calore dilata e pertanto aumenta la stasi venosa);
  • usare scarpe comode, con tacco di 2-3 centimetri, a pianta larga, evitando l’uso di ciabatte e zoccoli;
  • correggere eventualmente postura e deambulazione con l’ausilio di un plantare;
  • evitare tabacco e caffè, sostanze che svolgono azione vasocostrittrice sulle arterie.
Leggi anche:
La Trombosi è la formazione di un trombo all'interno di un vaso sanguigno che riduce oppure occlude del tutto il lume di un vaso.
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Chirurgia vascolare
Prov. di Agrigento
Specialista in Chirurgia vascolare e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Prov. di Catania
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Chirurgia vascolare
Milano (MI)
Specialista in Chirurgia vascolare e Angiologia medica
Napoli (NA)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Malattie dell'apparato respiratorio
Prov. di Parma
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina dello sport
Prov. di Salerno
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare
Prov. di Verbano Cusio Ossola
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare
Prov. di Ascoli Piceno
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina interna
Ancona (AN)
Specialista in Cardiologia interventistica e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Bari (BA)