Disturbi in gravidanza, come combatterli?

disturbi in gravidanza come combatterli
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche

Nausea

È preferibile non utilizzare farmaci contro la nausea, se possibile. Un trucco molto noto è quello di fare dei pasti piccoli e frequenti (per esempio: due crackers integrali; dopo 2-3 ore: mezza mela; dopo 2-3 ore: grissini o l'altra metà della mela; etc.). Evitare tassativamente cibi grassi, fritti, ed ovviamente tutti quegli odori e sapori che non si sopportano. Rimanere a riposo a letto il più possibile. La piridossina (vitamina B6) può essere di qualche utilità. Se la Nausea è accompagnata da vomito continuo o perdita di peso, occorre rivolgersi al proprio medico.

Mal di schiena

  • Letto con fondo sufficientemente rigido;
  • evitare di sollevare pesi eccessivi;
  • usare scarpe a pianta larga e tacco basso;
  • dovendo stare sedute, non incurvare mai la schiena ma appoggiarla bene allo schienale;
  • dovendo flettersi per raccogliere qualcosa, piegare le ginocchia e non la schiena.
Leggi anche:
Mal di schiena in gravidanza? Una corretta postura, scarpe comode e pancere sono consigliabili per prevenire e diminuire la tensione.

Stitichezza

  • Masticare a lungo gli alimenti (15-20 volte ogni boccone);
  • bere almeno due litri di acqua al giorno (meglio se a temperatura ambiente);
  • usare spesso cereali e riso integrale (orzo, avena, mais, granoturco);
    • assumere cibi integrali (pane nero, crusca, etc.);
    • introdurre fibre (ananas, albicocche, lattuga, zucca, radici);
  • non lasciare la tavola con la sensazione di sazietà;
    • alimentarsi soprattutto la mattina e a mezzogiorno, mantenendo leggera la cena;
  • mangiare la frutta tra un pasto e l'altro, piuttosto che alla fine dei pasti;
    • fare uso di verdure cotte;
  • mangiare il più possibile a casa propria, piuttosto che al ristorante o in mensa;
    • evitare di mangiare in piedi;
  • evitare i cibi salati;
  • limitare il latte e i latticini (che, fermentando, producono gas e vanno ad alterare la motilità intestinale);
  • avvertendo lo stimolo alla defecazione, non ritardare l'evacuazione;
  • dedicare del tempo ad una attività fisica moderata ma costante.

Svenimenti

  • Assicurarsi di introdurre adeguatamente liquidi, vitamine e sali minerali;
  • alzarsi lentamente dalle posizioni di seduta e sdraiata;
  • avvertendo la sensazione di svenimento, coricarsi immediatamente su di un fianco.

Varici ed emorroidi

  • Prolungato riposo con gli arti inferiori innalzati;
  • uso di calze elastiche contentive;
  • regolarizzazione dell'intestino (dieta ricca di scorie: verdura verde, crusca, cibi integrali, unitamente all'assunzione di sufficienti quantità di liquidi);
  • fare regolarmente esercizio fisico (vedi attività fisica);
  • evitare di restare a lungo in piedi;
  • dormire con le gambe sollevate (non ponendo cuscini sotto, ma alzando i piedi del letto);
  • fare docciature fredde sugli arti inferiori;
  • mantenere contenuto l'aumento di peso corporeo.

Sonno disturbato

  • Blandi esercizi fisici;
  • bagno caldo;
  • bevanda calda (latte o tisana);
  • musica rilassante;
  • riposino durante il giorno (fa sentire meno stanche alla sera);
  • dormire sul fianco, con un cuscino fra le ginocchia e un altro sotto la pancia.
Leggi anche:
Dalla fecondazione al momento del parto, dall'alimentazione più adatta alla tutela giuridica: consigli ed informazioni sulla gravidanza.
 

A cura di Gravida.org

gravida

27/09/2017
19/11/2013
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche