Broncoscopia: che cos'è e come si esegue?

Broncoscopia: che cos'è e come si esegue?

La broncoscopia, l'analisi dei bronchi, permette di rilevare fenomeni ostruttivi o infiammatori attraverso l'utilizzo del broncoscopio.
In questo articolo:

La broncoscopia è l'analisi dei bronchi mediante visualizzazione dell'albero bronchiale: consente di osservare direttamente la laringe, la trachea ed i Bronchi, attraverso i quali l'aria raggiunge i polmoni.

A cosa serve

La Broncoscopia permette di rilevare fenomeni ostruttivi o infiammatori nei bronchi. Tradizionalmente viene utilizzato per la diagnosi di tumori polmonari, malattie infiammatorie, fibrosi polmonari, sarcoidosi e malattie ostruttive bronchiali (come l'asma bronchiale e la BPCO).

La broncoscopia viene eseguita nei casi in cui bisogna precisare immagini radiografiche, nei pazienti con fenomeni di sangue nell'espettorato (emottisi) o Tosse persistente e in seguito all'inalazione di corpi estranei. Consente inoltre di prelevare secrezioni e frammenti di mucosa bronchiale da sottoporre ad analisi.

Come si esegue

L'esame si esegue tramite uno strumento noto come broncoscopio (o fibrobroncoscopio), un sottile tubo a fibre ottiche che viene introdotto attraverso la bocca o il naso.

Per individuare eventuali problemi - come, ad esempio, le cardiopatie in fase instabile - che possono comportare complicazioni, la broncoscopia deve essere preceduta da un elettrocardiogramma e da alcuni esami ematochimici. Il paziente, inoltre, deve presentarsi a digiuno da almeno 12 ore.

L'esame si effettua in anestesia locale, mediante inalazione di anestetico polverizzato. Il broncoscopio non determina ostruzione completa delle vie respiratorie e pertanto non compromette la respirazione, anche se l'introduzione dello strumento può provocare tosse o conati di vomito. In ogni modo, la respirazione sarà tenuta sotto controllo mediante un pulso-ossimetro che consente di valutare la necessità di somministrare ossigeno supplementare.

Una broncoscopia dura circa 30 minuti e i risultati possono essere comunicati già al termine dell'esame. Al termine dell'esame, dopo un periodo di osservazione variabile in base all'andamento dell'esame stesso, si può tornare al domicilio, ma è opportuno non guidare, rimanere a digiuno per altre 2 ore e rimanere a riposo per 24 ore.

Dopo qualche ora può comparire un lieve bruciore alla gola, che normalmente passa in uno o due giorni. Le complicazioni sono rare, ma se si presentano difficoltà alla respirazione, febbre elevata, disfonia ed episodi di sangue nell'espettorato è opportuno rivolgersi a un medico.

La broncoscopia rigida invece viene eseguita in anestesia generale e trova indicazione prevalentemente nella broncoscopia pediatrica o nella broncoscopia operativa. Le due metodiche (broncoscopia rigida e fibro-broncoscopia) possono essere eseguite anche in combinata.

Cerca un medico nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato respiratorio e Medicina interna
Prov. di Mantova
Specialista in Medicina interna
Prov. di Treviso
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Medicina interna
Prov. di Varese
Specialista in Medicina interna
Roma (RM)
Specialista in Pneumologia e Medicina interna
L'Aquila (AQ)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Medicina generale e Medicina interna
Roma (RM)
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Roma (RM)
Specialista in Medicina generale e Medicina interna
Lucca (LU)
Specialista in Medicina interna e Endocrinologia e malattie del ricambio
Roma (RM)
Specialista in Diabetologia e malattie del metabolismo e Medicina interna
Roma (RM)