MOC a cosa serve e come si svolge

MOC a cosa serve e come si svolge

La MOC è un esame indolore che permette di valutare la quantità di calcio presente nelle ossa per prevenire l'osteoporosi.
In questo articolo:

La MOC è un’indagine strumentale fondamentale per le donne in menopausa perché aiuta a predire il problema dell’osteoporosi, ma non solo.

Che cos'è la MOC

La MOC, ossia Mineralometria Ossea Computerizzata, è un esame che permette di studiare la densità delle ossa, riscontrandone l'eventuale fragilità, segno tipico dell'osteoporosi.

L’esame utilizza i raggi X (una quantità molto bassa) per misurare quanto calcio e altri minerali sono racchiusi in un segmento di osso; maggiori sono i minerali più forti saranno le ossa; al contrario, bassi valori di minerali corrisponderanno ad una più alta possibilità di fratture.

La MOC, oltre a identificare l'osteoporosi, è utile a determinare il rischio di fratture e a misurare la risposta al trattamento dell'osteoporosi.

Come si fa la MOC

Una scansione della densità ossea è una procedura rapida e indolore, eseguita da un radiologo, che prevede di sdraiarsi sulla schiena su un tavolo in modo da poter scansionare con radiazioni ionizzanti alcune aree del corpo.

La MOC più comune è quella centrale chiamata DEXA, nota anche come assorbimetria a raggi X a doppia energia, che viene utilizzata per misurare la densità ossea nell’anca e nella colonna vertebrale, soprattutto nella parte lombare.  

Quando invece la MOC valuta la densità ossea dell'avambraccio, tallone e dita, prende il nome di MOC periferica.

Perché fare la MOC

Lo scopo è preventivo: eseguire una MOC consente di valutare la perdita di calcio nelle ossa e intraprendere adeguate terapie per il consolidamento e la prevenzione delle fratture. Pertanto, è raccomandata a tutte le donne di età pari o superiore a 65 anni che con la menopausa vanno incontro alla naturale fragilità dello scheletro.

Inoltre, il medico curante prescrive in genere questo esame alle persone con sospetta perdita di densità ossea, ovvero:

  • donne con menopausa precoce (prima dei 45 anni);
  • uomini con carenza di testosterone;
  • chi soffre di ipertiroidismo, iperparatiroidismo, diabete di tipo 1, malattie del fegato, dei reni o artrite reumatoide;
  • coloro che assumono determinati farmaci, tipo corticosteroidi o con fratture precedenti;
  • persone che a seguito di raggi X, TAC o risonanza magnetica hanno riscontrato osteopenia o osteoporosi;
  • quelli con pregressa storia familiare materna di frattura dell'anca o della colonna vertebrale.

Come leggere i valori MOC

L’esito della MOC restituisce come risultato il “T score”, un punteggio che stabilisce quanto la propria densità ossea si discosta da una media standard (adulti in salute tra i 25 e i 30 anni).

Quando il valore è compreso tra:

  • 0 e -1 la densità ossea è considerata normale;
  • -1 e -2,5 è segno di osteopenia, la condizione che può portare all'osteoporosi;
  • -2,5 e oltre indica la presenza di osteoporosi.

In pratica, quanto più è negativo il valore T, tanto più fragili saranno le ossa.

Cerca un medico nella tua città
Specialista in Osteopatia
Brugherio (MB)
Specialista in Osteopatia
Imola (BO)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Osteopatia
Brescia (BS)
Specialista in Osteopatia
Milano (MI)
Specialista in Neuroradiologia e Radiodiagnostica
Livorno (LI)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Ortopedia e traumatologia e Ortopedia
Torino (TO)
Specialista in Radiodiagnostica e Radiologia interventistica
Palermo (PA)
Specialista in Medicina generale e Medicina del dolore
Finale Emilia (MO)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Medicina fisica e riabilitativa
Salerno (SA)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Radiodiagnostica
Mazara del Vallo (TP)