Cancro del colon-retto e metastasi epatiche

Recenti studi hanno confermato che le indicazioni provenienti dalle cellule tumorali del tumore primitivo dell’intestino 'valgono' anche per le metastasi localizzate al fegato. Dunque, per identificare la Terapia personalizzata più efficace contro la metastasi può essere non necessario effettuare nuovi prelievi di tessuto tumorale ma utilizzare quelli già in possesso dei centri di analisi molecolare.

L’efficacia della terapia personalizzata anti-EGFR nel Tumore metastatico del colon-retto dipende dallo stato del Gene per la proteina KRAS, elemento chiave per lo sviluppo e la crescita del tumore. Questa proteina, infatti, può essere inattivata da farmaci a bersaglio molecolare soltanto a condizione che il gene che ne guida la produzione non abbia subito una mutazione tale da renderla non sensibile ai farmaci.

Alcuni farmaci a bersaglio molecolare si sono dimostrati molto efficaci nell’ottenere la regressione del tumore e nel prolungare il tempo in cui la crescita tumorale è bloccata e il periodo di sopravvivenza alla malattia. Tali farmaci, però, sono efficaci soltanto nei pazienti le cui cellule tumorali non presentano una mutazione del gene KRAS.

Dunque, quando le analisi cliniche e strumentali confermano il sospetto che per un malato, curato in passato per un tumore del colon-retto, e purtroppo affetto da metastasi epatiche, è importante effettuare un test di biologia molecolare (il KRAS test) per accertare se nel tumore è presente il gene KRAS mutato oppure no. Solo così, infatti, potrà prescrivere la terapia più efficace.

 

Per approfondire:

  • EGFR e KRAS: gli 'interruttori' della progressione del tumore

 

31/03/2015
19/02/2013
TAG: Gastroenterologia | Stomaco e intestino | Fegato | Tumori