17/02/2016

Epatite C, niente più casi in Europa dal 2030

epatite c niente piu casi in europa dal 2030
Walter Giannò
Scritto da:
Walter Giannò
Giornalista esperto in salute e benessere
Entro il 2030 niente più casi di epatite C in Europa: è questo l’obiettivo di esperti e medici specialisti che hanno sottoscritto oggi, a Bruxelles, in Belgio, il 'Manifesto per l’eliminazione dell’Epatite C', presentato dalla 'Hepatitis B and C Public Policy Association'.

Nel dettaglio, i firmatari si sono impegnati a:
  1. Fare dell’epatite C e della sua eliminazione in Europa una priorità esplicita della salute pubblica da perseguire a tutti i livelli.
  2. Assicurarsi che i pazienti, i gruppi della società civile e altri soggetti interessati, siano direttamente coinvolti nello sviluppo e nell’attuazione di strategie per l’eliminazione dell’epatite C.
  3. Prestare particolare attenzione ai collegamenti tra l’epatite C e l’emarginazione sociale.
  4. Introdurre una settimana europea dedicata alla sensibilizzazione sull’epatite C.
Leggi anche:
SenzalaC: la nuova campagna informativa sull'epatite Ca
A promuoverla sei associazioni di pazienti per ricordare l'importanza della prevenzione.

I commenti al manifesto

Durante la manifestazione di oggi, il commissario per la salute e la sicurezza alimentare dell’Unione Europea, Vytenis Andriukaitis, ha affermato che “l’epatite C, nel passato, è stata indicata come una silenziosa epidemia. Accolgo, quindi, con favore il Manifesto per eliminarla così da dare slancio all’azione per sensibilizzare e per stimolare la discussione”. Per il professore Angelos Hatzakis, co-presidente della 'Hepatitis B and C Public Policy Association', ciò che la società attende da un centinaio di anni “ora è a portata di mano. Si tratta di un’occasione unica, ma è necessaria un’azione politica per far sì che ciò accada”.
“Il nostro Manifesto - spiega Hatzakis - è una piattaforma per politici e avvocati. Se agiamo adesso, l’Europa sarà liberata dall’epatite C entro il 2030”.

Sull’argomento è intervenuto anche Cristian-Silviu Buşoi, membro del Parlamento Europeo e co-presidente del gruppo 'Gli Amici del Fegato': “Riuscire contro l’epatite C in Europa è ancora più importante se si considera l’attuale crisi internazionale e i flussi di profughi verso i nostri Paesi”. Inoltre, il professore Michael P. Manns, co-presidente della 'Hepatitis B and C Public Policy Association', ha affermato che “il Manifesto delinea la nostra visione e l’impegno per eliminare l’epatite C in Europa e esorta a azioni concrete, a tutti i livelli, per raggiungere il nostro obiettivo”.Ora il Manifesto sarà presentato ai governi locali e nazioni, nonché alle istituzioni europee per incoraggiare le azioni necessarie per attivarlo.


L'incidenza dell'Epatite in Europa

Si ricorda, infine, che ogni anno, in Europa, muoiono più persone a causa dell’epatite C che del virus HIV (infatti, la prima è diffusa sette volte di più del secondo). È stato, poi, stimato che 15 milioni di europei sono infettatti cronicamente dall’epatite C, di cui 5,5 vivono nei Paesi membri dell’UE e, ogni anno, sono diagnosticati dai 27.000 ai 29.000 casi di malati.

Per approfondire guarda anche "Si può guarire dall'Epatite C?"
TAG: Fegato | Epatologia | Gastroenterologia | Endocrinologia e malattie del ricambio
Walter Giannò
Scritto da:
Walter Giannò
Giornalista esperto in salute e benessere