09/02/2018

Giornata della raccolta del farmaco

giornata della raccolta del farmaco
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor

Torna la Giornata della raccolta del farmaco: sabato 10, in oltre quattromila farmacie in tutta Italia, si potranno acquistare farmaci che verranno donati a oltre 1.700 enti che si occupano di assistenza alle persone povere. Anche quest’anno saranno 14mila i volontari impegnati nell’iniziativa: grazie al loro aiuto e alle indicazioni dei farmacisti che aderiscono, si può dare un aiuto concreto a tutti coloro che non hanno altra scelta che affidare le proprie speranze di cura alla generosità altrui.

Nel 2017 «abbiamo consegnato agli enti più di 375mila farmaci», spiega la Fondazione Banco Farmaceutico onlus. Grazie ad essi, 578mila indigenti si sono potuti curare. «È stato un buon risultato, ma ancora molto distante da quello che sarebbe servito per rispondere al reale fabbisogno espresso dagli enti caritativi». Il Banco Farmaceutico spiega infatti di aver coperto soltanto il 37% delle richieste. «Gli effetti della crisi – ammette la onlus - non sono stati riassorbiti dalla ripresa, in Italia ci sono 4,7 milioni di poveri e la domanda di farmaci da parte degli enti è cresciuta in 5 anni (2012-2017) del 27,4%».

Dietro ai numeri, spesso asettici e impersonali, si celano le storie di persone e famiglie che faticano a procurarsi l’indispensabile per sopravvivere. «Si tratta della gente che abita i luoghi che abitiamo noi», nelle parole del Banco Farmaceutico. Il mendicante, ma anche le famiglie che non riescono più a pagare il mutuo, la vecchietta che vive da sola al piano di sopra o il disoccupato in avanti con gli anni che prova vergogna a chiedere aiuto ma, da solo, non ce la fa. 

Giornata della raccolta del farmaco: un'assistenza per i più bisognosi

«La Giornata di raccolta del farmaco – fa eco Federfarma – è una forma di carità contro la povertà sanitaria: un gesto semplice per rendere le vite attente, responsabili e partecipi ai bisogni dell’altro, assicurando aiuto e assistenza alle famiglie più bisognose».

Sono proprio le storie delle persone che fanno sì che dal 2000, ogni anno, il secondo sabato di febbraio, migliaia di volontari siano presenti nelle 4.100 farmacie (questo il numero di quelle aderenti quest’anno) aiutando i cittadini a donare medicinali da banco, senza obbligo di prescrizione medica, necessari, soprattutto in questo periodo, per contrastare l'influenza stagionale. Ogni ente destinatario viene convenzionato a una o più farmacie.

In 17 anni la Giornata di Raccolta del Farmaco ha raccolto oltre quattro milioni e mezzo di farmaci, per un controvalore commerciale di circa 26 milioni di euro. La Giornata si svolge sotto l’Alto patronato della presidenza della Repubblica, in collaborazione con Aifa, Cdo Opere Sociali, Federfarma, Fofi, Federchimica Assosalute e BFResearch. L’iniziativa è realizzata con il sostegno di Intesa Sanpaolo, Teva, Doc, EG EuroGenerici, Assogenerici, Avvenire, Mediafriends, Responsabilità Sociale Rai e Pubblicità Progresso. Per maggiori informazioni sull’iniziativa si può consultare il sito www.bancofarmaceutico.org.

Per approfondire guarda anche: “Assuefazione da farmaci”

Leggi anche:
Secondo gli esperti i batteri sono sempre più resistenti. Colpa dell'uso scorretto degli antibiotici e delle terapie fai da te.
TAG: Adulti | Anziani | Eventi salute | Farmacologia | Medicina di comunità | Medicina generale | Prevenzione
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor