Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

07/05/2015

Il sole? Un amico, ma attenzione a esporsi correttamente proteggendosi in maniera adeguata

Come affacciarsi a questa nuova, bella stagione, senza esporsi a rischi per la salute e per godere di tutti i benefici del sole? Il sole è un amico, ricordano gli esperti ma attenzione ad esporsi correttamente ai raggi UV e a proteggersi nella maniera adeguata.

Negli ultimi 30 anni, anche a causa della tintarella selvaggia, sono aumentati i casi di Melanoma in Italia e sempre più colpite sono le persone giovani, tra i 15 e i 39 anni: nel nostro Paese sono stati diagnosticati 100mila casi con 10mila nuove Diagnosi ogni anno e un tasso di mortalità troppo alto (pari al 20%) a causa di una tardiva diagnosi.

E in vista dei 'bagni di sole' di questa stagione estiva 2015 viene rilanciata la campagna "Il Sole per amico", promossa dall'Intergruppo Melanoma Italiano, con il patrocinio del Ministero della Salute e dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica.

La campagna ha l’obiettivo di diffondere il più possibile la cultura della prevenzione, soprattutto tra i bambini in età scolare e le famiglie.

Ed Ignazio Stanganelli, Responsabile del Centro clinico-sperimentale di Oncologia dermatologica dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori, ricorda che esistono alcune regole d’oro per assicurarsi una bella abbronzatura senza dover mettere a rischio la propria salute:

  • esporsi gradualmente iniziando con 45-50 minuti il primo giorno e poi aumentando man mano nei giorni successivi in modo da ottenere in 15-20 giorni un’abbronzatura uniforme e duratura;
  • ridurre l’esposizione al sole tra le 11 e le 15;
  • indossare il cappello;
  • applicare con costanza una crema solare con un attore protettivo adeguato al proprio fototipo;
  • evitare l’esposizione diretta ai raggi del sole per i bambini che non hanno ancora un anno.
TAG: Dermatologia e venereologia | Estate | Abbronzatura | Pelle