23/02/2017

Prendersi cura del cervello migliora la vita

prendersi cura del cervello migliora la vita
Massimo Canorro
Scritto da:
Massimo Canorro
Giornalista & web content editor

“Sollecitare la pubblica consapevolezza nei confronti della ricerca sul cervello”. Con queste parole diffuse attraverso una nota, Leandro Provinciali, presidente della Società italiana di neurologia (Sin), introduce la Settimana del Cervello, che con la sua ricorrenza annuale - l’edizione 2017 è in programma dal 13 al 19 marzo - pone al centro del dibattito l’organo più affascinante; l’evento interesserà enti, associazioni di malati, agenzie governative e organizzazioni professionali, coinvolgendo anche comunità scientifica e cittadini. In Italia, la Settimana del Cervello si declinerà all’insegna del tema “Curare il cervello migliora la vita”.

Il coordinamento internazionale

Coordinata in Europa dalla European Dana Alliance for the Brain e, per quanto riguarda gli Stati Uniti, dalla Dana Alliance for Brain Initiatives, la Settimana del Cervello rappresenta il risultato di un importante e capillare “gioco di squadra” sviluppato a livello internazionale, al quale fanno riferimento le società neuroscientifiche di tutto il mondo, e a cui, dall’edizione 2010, hanno aderito anche la Società italiana di neurologia e la European Accademy of Neurology.

Leggi anche:
Il Morbo di Parkinson è una patologia nervosa degenerativa, ovvero un processo di morte cellulare che colpisce le cellule nervose dopaminergiche.

Settimana del cervello 2017: le iniziative in programma

“Anche quest’anno verranno organizzate dalle varie strutture neurologiche numerose attività che aiuteranno a far comprendere l’importanza della ricerca sul cervello, indispensabile per l’acquisizione di nuove conoscenze necessarie per il miglioramento della capacità diagnostica e terapeutica delle malattie del sistema nervoso”: sono state queste le parole del presidente Provinciali.

Le attività proposte dai neurologi della Società italiana di neurologia verranno sviluppate nelle varie sedi attraverso differenti modalità e riguarderanno sia i più grandi sia i bambini. In agenda iniziative come “Neurologia porte aperte”, una serie di informazioni sulle attività neurologiche alla porta degli ospedali e la visita guidata dei reparti e dei laboratori diagnostici e di ricerca. Si prosegue con il progetto “Scienze neurologiche per le scuole”, che include seminari, lezioni, proiezioni di filmati esplicativi destinati agli studenti dei vari gradi di istruzione secondaria. E ancora, dibattiti e conferenze per adulti e studenti universitari.

Il fascino del cervello

Il cervello è un organo affascinante, tutto da scoprire. È costituito da circa 100 milioni di neuroni che sono collegati tra loro da connessioni interdendritiche e determinano la capacità operativa. La voglia di capire meglio come funziona il cervello e in che modo custodirlo giovane - e perfettamente funzionante - è un incentivo a comprendere anche quali sono le misure da adottare per la prevenzione delle malattie neurodegenerative. Prevenzione che, inevitabilmente, passa anche da un corretto nutrimento a livello alimentare e, più in generale, a livello intellettuale.

 

Per approfondire guarda anche: “La diffusione della SLA in Italia e i meccanismi della malattia“

TAG: Eventi salute | Malattie neurologiche | Neurologia | Prevenzione | Sistema nervoso
Massimo Canorro
Scritto da:
Massimo Canorro
Giornalista & web content editor