24/03/2015

Tumore ai testicoli: le cinque regole per la prevenzione

Il Tumore ai testicoli è una Neoplasia che colpisce molti giovani e viene spesso sottovalutato. A fotografare il fenomeno gli esperti riuniti recentemente a Madrid in occasione del congresso della Società europea di urologia (Eau): il cancro ai testicoli interessa soprattutto persone tra 25 e i 49 anni e la sua frequenza ha subito un aumento negli ultimi 30 anni pari al 45%.

Si tratta della neoplasia più comune nei giovani maschi fra i 25 e i 49 anni, rappresentando circa l'1% del totale e il 3-10% dei tumori che colpiscono l'apparato urogenitale maschile”, spiega Vincenzo Mirone, segretario generale della Siu (Società italiana di urologia). In compenso il tasso di mortalità è basso, guarisce infatti il 95% dei pazienti.

Fondamentale in tal senso la prevenzione e la diagnosi precoce. Mirone precisa che non bisogna lasciarsi sopraffare dal pudore o dall’imbarazzo ed è importante eseguire un’autopalpazione per sentire anomalie o noduli. Esattamente come viene raccomandato alle donne per prevenire il tumore al seno. Conoscere l’anatomia dei testicoli e dello scroto ed essere quindi in grado di accorgersi di anomalie o deformità è talmente importante da poter ridurre anche del 12% il rischio di un tumore alla prostata.

Come eseguire l’autopalpazione? Ecco i cinque passi da seguire.

  1. avvolgere i testicoli, prima l'uno e poi l'altro, nel palmo delle mani;
  2. farli ruotare con cura tra pollice e indice di entrambe le mani per esaminarli attentamente;
  3. andare a caccia di noduli duri, gonfiori morbidi o tondeggianti o altre anomalie sulla superficie del Testicolo con le dita;
  4. eseguire questa procedura con regolarità: ogni mese dopo un bagno caldo che ammorbidisce il sacco scrotale;
  5. insegnare la palpazione corretta sin dall’adolescenza.
TAG: Urologia | Oncologia | Tumori | Salute maschile | Organi Sessuali