La Commissione tecnico scientifica dell'AIFA - Agenzia italiana del farmaco - ha dato parere favorevole alla vaccinazione anti-Covid per la fascia di età compresa tra i 5 e gli 11 anni, dopo il via libera dell’EMA, l'Agenzia europea del Farmaco.

La circolare del Ministero della Salute stabilisce il 16 dicembre come data di inizio e assegna la priorità ai bambini fragili.

Quale vaccino sarà iniettato nella fascia 5-11 anni?

ll vaccino utilizzato per l’immunizzazione dei bambini dai 5 agli 11 anni sarà il vaccino Pfizer/BioNTech (Comirnaty), come stabilito dal Piano Strategico nazionale di vaccinazione anti SARS-CoV-2/Covid-19.

La dose iniettata ai più piccoli sarà inferiore a quella utilizzata negli adolescenti e adulti, con una formulazione specifica di 1/3 del dosaggio, pari a 10 µg. Il ciclo vaccinale prevederà sempre due iniezioni a distanza di 21 giorni l’una dall’altra.

Il vaccino per questa fascia di età non è obbligatorio, tuttavia è raccomandato per due ragioni:

  • in caso di contagio, proteggerebbe anche i più piccoli da conseguenze gravi, come il rischio di sviluppare la sindrome infiammatoria multisistemica (MIS-c);
  • darebbe loro la possibilità di frequentare la scuola e condurre una vita sociale “normale”, particolarmente importanti per lo sviluppo del bambino in questa fascia di età.

Ci sono particolari effetti collaterali?

Secondo i primi risultati emersi dai test, gli effetti collaterali che si sono manifestati nei bambini sono lievi e del tutto paragonabili a quelli degli adulti.

In generale, parliamo di:

  • dolore nella zona di iniezione
  • stanchezza e dolore muscolare
  • mal di testa, febbre e brividi
  • arrossamento e gonfiore al sito di iniezione

Questi sintomi tenderanno a sparire entro pochi giorni dalla vaccinazione.

Dubbi se far vaccinare o meno tuo figlio?

Per valutare se vaccinare i tuoi bambini piccoli contro il Covid-19 puoi chiedere subito il parere di un pediatra via chat. Clicca qui