La papaia, un elisir di bellezza e salute

la papaia un elisir di bellezza e salute

La scoperta dell’America ha portato in Europa questo frutto tipico della regione messicana, che da noi non esisteva. La papaia può essere un vero e proprio toccasana per diversi disturbi ed un alleato della nostra salute. Sebbene fosse considerato, fino a qualche decina di anni fa un frutto da ricchi o da stravaganti, oggi la papaia si può trovare, secondo i gusti, sulle tavole di tutti gli italiani.

Delle diverse qualità, più di 50, quella più diffusa è l’hawaiana detta 'Solo', che pesa all’incirca 500 gr, ha buccia verde nel frutto acerbo e verde-giallo in quello maturo, polpa giallo-arancione e semi neri. Il suo sapore è molto particolare e ricorda una mescolanza tra albicocca e fragola.

L’elemento principale è la papaina, un enzima estratto dal succo del frutto acerbo. Gli enzimi contenuti nella papaia, oltre alla papaina, permettono di stimolare diverse funzioni del nostro organismo, quali, ad esempio, il metabolismo, rendendo più facile lo smaltimento delle sostanze di scarto e più digeribili le proteine. L’accelerazione del Metabolismo permette quindi anche di dimagrire ed assimilare solo ciò che serve.

La papaia contiene anche carpaina e pseudocarpaina, due alcaloidi che possono svolgere importanti funzioni nella cura delle malattie cardiovascolari. Inoltre, si trovano in abbondanza flavoni, vitamina C, betacarotene, tannini, tutte sostanze capaci di ripulire il nostro Organismo dalle tossine.

Va sottolineato, però, che i frutti a polpa giallo-arancione presentano maggiori quantità di carotenoidi rispetto a quelli a polpa rossa, quindi sono preferibili a quest’ultimi. Lo stesso discorso vale anche per la vitamina C: la papaia è ricchissima di questa sostanza, molto più dei 'classici' frutti, come le arance o i kiwi.

Un altro punto di forza della papaia è la presenza numerosa di antiossidanti che sono in grado di bloccare l’attacco dei radicali liberi. Mangiare costantemente molta papaia quindi è un aiuto concreto per mantenere anche la pelle in ottime condizioni, giovane e solare, morbida ed elastica.

Inoltre, le donne hanno un motivo in più per preferire il consumo di papaia. Essa infatti, grazie al betacarotene e alla vitamina C, regolarizza il flusso mestruale e previene i dolori tipici che l’accompagnano. In più, l’apporto di calcio, previene anche l’indebolimento osseo e la conseguente osteoporosi, che colpisce molto donne in menopausa.

L’ideale per consumare la papaia è quella di mangiarla fresca durante la giornata o dopo i pasti (facilita la Digestione ed attiva il metabolismo), o anche durante la giornata come spuntino a cavallo dei pasti principali. Ma se non avete tempo di mettervi a tavola o se preferite qualcosa di fresco, veloce da consumare anche mentre lavorate, potete permettervi di scegliere.

La papaia è disponibili in diverse 'formulazioni': esistono delle compresse, ad esempio, in cui si ritrovano tutti gli enzimi, gli antiossidanti, le fibre presenti nella papaia, un integratore, insomma, che può essere assunto in qualsiasi momento della giornata.

È consigliabile assumerle soprattutto ai cambi di stagione per aiutare il corpo ad abituarsi man mano alla nuova stagione, soprattutto all’arrivo della primavera. In alternativa, si possono comprare e bere i succhi di papaia, magari bella fredda, soprattutto nei giorni afosi d’estate. Sono facilmente assimilabili e digeribili. Un elisir di bellezza e di salute, insomma.

Leggi anche:
Gli alimenti ricchi di carotenoidi, come la frutta e gli ortaggi arancioni, contrastano l'invecchiamento della pelle e la rendono più morbida ed elastica.
16/06/2017
20/06/2012
TAG: Nutrizione | Scienza dell'alimentazione