Rossetto per labbra perfette: quale scegliere?

rossetto per labbra perfette quale scegliere
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor

Rosso intenso, effetto nude, color pastello o finish metal: ogni donna ha il suo rossetto preferito, quello che supera indenne le mode e le stagioni e disegna perfettamente le labbra di ciascuna. Ma scegliere il prodotto giusto è difficile: il mercato pullula di proposte vecchie e nuove, la concorrenza tra i tanti brand nel mondo del make up è spietata e spesso l’acquisto si fa al buio, senza una vera conoscenza delle opzioni disponibili in commercio.

Rossetto per labbra perfette, quale scegliere?

Non esistono regole preconfezionate per la scelta del make up. Certo è che il rossetto e il suo finish devono essere in armonia con le labbra. Una brava make up artist in profumeria saprà intonare al nostro viso il prodotto perfetto. Se le labbra sono carnose, il rossetto migliore sarà quasi certamente quello con il finish matt, se invece le labbra sono sottili o leggermente irregolari, l’applicazione di un gloss le renderà più equilibrate.

Se la pelle tende a seccarsi un rossetto matt o semi-matt non va bene: le labbra tenderanno a manifestare quelle screpolature che il tanto amato rossetto opaco tende ad accentuare anziché nascondere.

In quel caso si può optare per un prodotto più cremoso. I rossetti cremosi sono quelli più idratanti, e permettono di nascondere eventuali imperfezioni. I gloss sono i più semplici da applicare, adatti anche alle giovanissime e a chi ama un look “acqua e sapone”. L’effetto lucido esalta le labbra ed è perfetto per chi le ha poco carnose.

Nella versione perlata, questi rossetti sono adatti alle labbra mature che vogliono risultare più piene e luminose. I rossetti dalla finitura opaca valorizzano labbra già voluminose e idratate. L’applicazione dei rossetti matt o velvet (quelli dall’effetto velluto) richiede però una certa abilità e necessita del disegno del contorno labbra da effettuarsi con la matita prima della stesura del colore. All’estremo opposto troviamo i rossetti dall’effetto metallizzato, un must dell’anno scorso, molto apprezzati nelle tonalità più dark: impegnativi nella stesura e nell’abbinamento ma perfetti per chi ama di tanto in tanto cambiare completamente look.

Come scegliere il rossetto. Bellezza ok, ma senza dimenticare la salute

Per scegliere il rossetto migliore, bisogna farsi conquistare da colori e texture. Ma un occhio di riguardo va riservato alla difesa della propria salute. Prima di acquistare il cosmetico, controllare sempre la data di produzione e il Pao (“period after opening”), cioè il simbolo grafico rappresentato generalmente da un barattolino aperto e un numero che indica il tempo, in mesi, in cui è preferibile consumare il prodotto per averne le prestazioni migliori e per non incorrere in nessun rischio sanitario.

Altra buona norma prima dell’acquisto di un rossetto è prestare attenzione agli ingredienti. Leggere l’etichetta può rivelarsi una buona abitudine se si ha la pelle delicata o si soffre di allergie. Fare caso alla composizione del prodotto prima dell’acquisto sarà anche il modo per risparmiare soldi e tempo in seguito. Un prodotto naturale e senza allergeni va scelto con cura, soprattutto per chi a casa ha un beautycase già pieno di rossetti acquistati e non utilizzati a pieno. Anche leggere le recensioni sul web prima di recarsi in profumeria può essere un modo utile per non spendere soldi invano.

Per approfondire guarda anche: “Meccanismo di idratazione della pelle”

Leggi anche:
Il peeling è un trattamento estetico che favorisce il ricambio cellulare e rende la pelle tonica e luminosa.
31/10/2018
31/10/2018
TAG: Adolescenti | Adulti | Bocca e denti | Cosmesi | Dermatologia e venereologia | Giovani | Medicina estetica | Pelle | Prevenzione | Salute femminile
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor