Bronchite asmatica: una definizione che mette insieme due patologie

bronchite asmatica una definizione che mette insieme due patologie
Scritto da:
Dr. Marco Baronirank army star badge orange
Specialista in Medicina interna e Pneumologia

In realtà questo termine non andrebbe (e di fatto non è più) usato in ambito specialistico. Gli specialisti, attenti non solo agli aspetti nosologici e di definizione ma soprattutto alla fisiopatologia, ritengono che una tale definizione, molto usata nella medicina corrente e nel linguaggio popolare, mette insieme due entità molto diverse dal punto di vista della patogenesi e delle manifestazioni cliniche e rischia di far commettere gravi errori anche sul piano terapeutico. La bronchite e l'asma sono infatti molto diverse tra loro.

Differenza tra asma e bronchite

La prima è evento in genere acuto provocato da agenti esterni, siano essi virus, soprattutto nei bambini, batteri o inquinanti ambientali (fumo, smog, polveri). Si tratta di una infiammazione delle mucosa dei bronchi e della trachea, preceduta a volte da manifestazioni a carico delle prime vie aeree (cavo orale, faringe, laringe); si manifesta con tosse e a volte espettorato (catarro) se l'infiammazione è dovuta a batteri e perdura più di qualche giorno. Necessita di terapie rivolte ad attenuare ed eliminare lo stato di infiammazione.
Qui la medicina, professionale o popolare, da sempre si è sbizzarrita in terapie più o meno efficaci e più o meno utilizzate ancora oggi, dai cataplasmi ai fluidificanti di ogni tipo ai rimedi erboristici e dietologici fino agli antibiotici, da utilizzare solo su prescrizione medica: sia perché spesso controproducenti (non agiscono sui virus) sia perché vanno scelti con competenza. Raramente provoca difficoltà respiratorie se non in casi perticolarmente gravi, in genere negli anziani, nei cardiopatici o in coloro che soffrono di BPCO (bronchite cronica).

Il “fischietto” nei bambini (broncospasmo) altro non è che il rumore dovuto al passaggio dell'aria nei bronchi ricoperti di muco ma non al restringimento del diametro (lume) dei bronchi: qui l'esperienza clinica del medico gioca un ruolo fondamentale.

Per approfondire guarda anche: “Bronchite“

L'asma è malattia del tutto diversa: spesso, soprattutto in età pediatrica, dovuta alla presenza di allergie (asma estrinseca) o a fattori genetici (asma intrinseca). È caratterizzata da difficoltà respiratorie anche gravi ad andamento tipicamente discontinuo e improvviso dovuto alla reazione broncospastica provocata dall'inalazione di sostanze allergizzanti. È tendenzialmente una malattia cronica o comunque di lunga durata, spesso stagionale.

La terapia si avvale sia di “vaccini” atti a sensibilizzare il soggetto agli allergeni sia di farmaci broncodilatanti e antiinfiammatori, generalmente somministrati con inalatori tascabili (devices, le cosiddette “pompette”). Raramente è necessario l'utilizzo di antibiotici e mucolitici, se non in caso di complicanze dovute a sovrapposizioni batteriche con espettorazione mucopurulenta.

Come affrontare asma e bronchite

Come si vede, due malattie, due entità estremamente differenti e anche molto diverse come impegno diagnostico e terapeutico. La bronchite non necessita, infatti, in genere di accertamenti specialistici se non in caso di anomala durata, febbre alta o catarro striato di sangue o verdastro: esami ematochimici e radiografia del torace.
L'asma, invece, richiede un approccio pneumologico accurato con l'esecuzione, dopo appropriata anamnesi, di prove di funzionalità respiratoria, di test di provocazione bronchiale ed eventualmente test allergometrici.

A completamento di questo breve excursus sulle patologie bronchiali più diffuse va segnalato il fatto che negli ultimi anni si parla di ACOS, acronimo a dire il vero un po' sibillino che mette insieme sia asma sia BPCO. Ma questo è un argomento per noi specialisti, che a volte sembriamo divertirci a trovare definizioni nuove per problemi vecchi.

L'importante è comunque, soprattutto nei bambini e nei casi intricati e poco responsivi alle terapie di primo livello, non sottovalutare un problema che, se non bene inquadrato, può provocare disagi e salute precaria per lunghi periodi. In particolare mi sembra utile sottolineare che in ambito pediatrico, nel quale il coinvolgimento di problematiche intestinali viene quasi sempre misconosciuto, spesso si abusa di antibiotici, cortisonici e “sciroppi per la tosse” che in realtà non fanno altro che cronicizzare il problema e trasformare i nostri bambini in malati perenni e cagionevoli.

Leggi anche:
La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è una malattia dell'apparato respiratorio caratterizzata dalla lenta ostruzione delle vie aeree.
13/01/2017
15/12/2016
Scritto da:
Dr. Marco Baronirank army star badge orange
Specialista in Medicina interna e Pneumologia