Emergenza cuore: i consigli da non dimenticare in caso di infarto

Emergenza cuore: i consigli da non dimenticare in caso di infarto

In caso di infarto bisogna saper riconoscere i sintomi, primo tra tutti il dolore, e chiamare subito i soccorsi e il 118.

Primo, saper riconoscere i sintomi

Prima di tutto, bisogna prestare attenzione ai sintomi, in primo luogo il dolore, il Sintomo che caratterizza più di ogni altro l’infarto.

  • Caratteristiche del Dolore da infarto (angina): solitamente, ricorda il Prof. Guagliumi, Presidente della GISE, il dolore dell’infarto 'stringe', pesa sul torace, può irradiare al collo, alla mandibola, alle spalle, al BRACCIO sinistro. A volte, nel caso di un infarto inferiore, può essere confuso con un forte mal di stomaco.
  • Intensità del dolore: il dolore è in genere intenso e a volte insopportabile, ma vi sono anche pazienti che hanno una soglia del dolore più alta, come i diabetici, per i quali il sintomo può essere più sfumato.
  • Altri sintomi infarto non specifici: il dolore può essere accompagnato da altri sintomi aspecifici. Può esservi sudorazione fredda, formicolio al braccio sinistro, nausea, vomito, debolezza e vertigini, ma questi sintomi possono anche non essere presenti.

Secondo, chiamare il 118

La cosa importante da fare, se vi sono sospetti significativi, è chiamare subito il 118 e non aspettare che il disturbo passi da sé. Nel dubbio, il solo farmaco da assumere è l'acido acetilsalicilico, perché nelle prime fasi dell’infarto può favorire la disgregazione del trombo che ha ostruito il vaso coronarico dando origine all’evento.

Dopo l'evento, è importante seguire le indicazioni del medico per ridurre il rischio

Seguire i consigli del medico

  • Conoscere i nomi dei farmaci, quando prenderli, in quali dosi e sapere a cosa servono
  • Prendere i farmaci agli orari stabiliti associandoli ad abitudini quotidiane: pranzo, cena o colazione
  • Non smettere di prendere farmaci di propria iniziativa

Perdere peso

  • Adottare un’alimentazione ricca di frutta e verdura e povera di grassi e zuccheri

Fare esercizio fisico

  • Tararlo sulle capacità del paziente e a seconda della gravità dell’infarto
  • Svolgerlo con regolarità, almeno 3 volte la settimana
  • Preferire l’attività aerobica, come cyclette, camminata, danza

Smettere di fumare

  • Le sigarette vanno abbandonate, non basta diradarle
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Medicina d'emergenza-urgenza e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Prov. di Catanzaro
Specialista in Medicina interna e Medicina d'emergenza-urgenza
Marsala (TP)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Malattie dell'apparato respiratorio
Prov. di Parma
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare
Prov. di Verbano Cusio Ossola
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare
Prov. di Ascoli Piceno
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina interna
Ancona (AN)
Specialista in Scienza dell'alimentazione e Statistica Medica
Enna (EN)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Anestesia e rianimazione
Prov. di Bologna
Specialista in Cardiologia interventistica e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Bari (BA)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina interna
Roma (RM)