Le 8 regole per il riposo perfetto

le 8 regole per il riposo perfetto
Rosaura Bonfardino
Scritto da:
Rosaura Bonfardino
Giornalista esperta in salute e benessere

Avere un buon materasso

Un buon sonno notturno è importante. Facile a dirsi, ma non sempre a farsi. Ecco allora che vi sono delle piccole regole che possono aiutare a prendere sonno con maggior facilità e a evitare interruzioni notturne. Innanzitutto, per quanto possa sembrare banale, per dormire bene è importante avere un letto comodo. Oltre ai materassi a molle, oggi sono disponibili diversi tipi di materassi in memory foam o in lattice tra cui scegliere, per assicurare a corpo e mente un riposo notturno confortevole.

Staccare con il mondo e mettere la mente a riposo

Assicurarsi che la stanza abbia una buona temperatura, spegnere lo smartphone e svuotare la mente sono delle azioni fondamentali prima di mettersi a letto. Qualcosa non si riesca davvero a smettere di pensare, riuscire ad addormentarsi può sembrare davvero un'impresa impossibile. Ecco perché gli esperti consigliano di mettere in atto piccole strategie di rilassamento, come la meditazione, la preghiera o l'ascolto di musica. Ma è importante anche riflettere su una cosa: meglio riflettere a mente serena e provare a lasciare i pensieri al giorno successivo.
Importante, inoltre, evitare tutte le fonti di interruzioni del sonno. Si consiglia, dunque, di assicurarsi di aver compiuto, prima di andare a letto, tutte le azioni (andare in bagno, spegnere la luce) che poi potrebbero costringerci ad alzarci durante la notte.

Non bere caffè o sostanze eccitanti

Prima di mettersi a letto è assolutamente da evitare l'assunzione di sostanze eccitanti o bevande stimolanti come il caffè o il tè. E' consigliabile anche evitare un uso eccessivo durante il giorno. Si consiglia in generale di evitare di assumere caffeina a partire da almeno 6 ore prima di coricarsi.

Smartphone e tablet

Assolutamente da evitare è l'utilizzo di dispositivi elettronici prima di andare a dormire ma anche durante la notte. E' consigliabile infatti spegnere eventuali ipad e cellulari perché questi ultimi emettono una luce blu che aumenta il senso di allerta e disturba il sonno. Una fonte luminosa che potrebbe persino ostacolare la produzione di melatonina, l'ormone che aiuta l'organismo a rilassarsi e ad addormentarsi.
Ma non è tutto. Secondo l'Oms, infatti, forti rischi derivano dal fatto che i campi magnetici sprigionati dagli apparecchi provocano la circolazione di correnti all’interno del corpo che possono provocare la stimolazione di nervi e muscoli o influenzare altri processi biologici.

Mangiare bene

La salute, come sempre, passa anche dalla tavola. E lo fa anche il sonno. Consumare alcuni alimenti, infatti, potrebbe aiutare ad addormentarsi. Un utile supporto può venire infatti ciliegie, semi di zucca, latte e yogurt, ricchi di triptofano, un aminoacido essenziale che favorisce la produzione di “sedativi naturali” come la serotonina e la melatonina. Agevolano l'addormentamento anche i cibi caratterizzati da un elevato indice glicemico come il riso, che si consiglia di assumere 3-4 ore prima di coricarsi. In ogni caso è utile evitare cene abbondanti o ipercaloriche, soprattutto i pasti a base di proteine (pesce, carne).

Abitudini regolari

Avere degli orari fissi, svegliarsi a una certa ora la mattina e andare a letto in modo regolare la notte può essere un valido supporto per non passare le notti in bianco. Le abitudini infatti in qualche modo programmano i fabbisogni biologici del corpo, tanto da far sì che alzarsi al mattino potrebbe persino risultare se non agevole, almeno non faticoso.

Altri piccoli consigli

Andare a letto solo quando si sente la necessità di dormire, evitando di sforzarsi; limitare le ore di riposo pomeridiano, utilizzare il letto soltanto per dormire, evitando di studiare o guardare film sul materasso; evitare l’esercizio fisico a media-alta intensità prima di andare a letto e non fare il bagno prima di coricarsi, ma almeno 1-2 ore prima.

Leggi anche:
Che cosa succede durante il sonno e perché è così importante per il benessere e la salute.
12/06/2017
21/03/2016
Rosaura Bonfardino
Scritto da:
Rosaura Bonfardino
Giornalista esperta in salute e benessere