Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
Introduzione ai metodi contraccettivi
5 minuti di lettura

Introduzione ai metodi contraccettivi

L'indice di Pearl è il parametro usato per valutare l'efficacia dei metodi contraccettivi, la cui scelta non è mai un'operazione facile.
In questo articolo:

Come scegliere un metodo contraccettivo?

 

Orientarsi tra i tanti metodi contraccettivi non è semplice e non è un’operazione che la donna, o la coppia, può fare da sola, magari basandosi su conversazioni con gli amici o suggestioni della pubblicità. Scegliere un metodo contraccettivo significa tenere conto della storia passata della donna, in particolare di eventuali disturbi o malattie precedenti; significa anche, come più volte ripetuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), tenere conto delle esigenze e delle attese della donna e della coppia. Soprattutto, quella del metodo contraccettivo è una scelta che può cambiare nel tempo. I metodi disponibili sono numerosi: naturali, di barriera, chimici, ormonali, chirurgici e intrauterini (IUD). Concentreremo l’attenzione soprattutto sui metodi contraccettivi più efficaci: lo IUD (la 'spirale') nelle sue varie versioni e i contraccettivi ormonali (la tradizionale 'pillola', il cerotto transdermico da applicare sulla cute, l’anello vaginale e la pillola progestinica).

 

Come si valuta l’efficacia di un metodo contraccettivo?

La chiave è il cosiddetto 'indice di Pearl': numero di gravidanze osservate nell’arco di un anno in 100 donne che utilizzano il metodo in esame. L’indice di Pearl non è mai zero perché nessun metodo, nemmeno i più affidabili come la 'pillola' o i cerotti transcutanei, garantiscono la sicurezza assoluta contro il rischio di gravidanze indesiderate. Tanto più ridotto è l’indice di Pearl, tanto più elevata è l’affidabilità contraccettiva del metodo.

 

Quali sono i metodi più sicuri ed efficaci e quali quelli meno sicuri?

La 'pillola', i cerotti transdermici e gli anelli vaginali sono i contraccettivi a base di combinazioni di Estrogeni e progestinici: tutti efficacissimi, come dimostrato dall’indice di Pearl inferiore a 1. Al contrario, è piuttosto scarsa la protezione contraccettiva offerta dai metodi naturali: con un’unica eccezione, la misurazione della temperatura basale (metodo complicato, ma indubbiamente affidabile anche se non sicurissimo, con un indice di Pearl di 1-5). Soprattutto pericoloso è il coito interrotto, purtroppo molto diffuso tra i più giovani per scarsa conoscenza dei metodi più sicuri.
 

Cosa sono gli estrogeni e i Progestinici che entrano nei contraccettivi ormonali?

Gli estrogeni e il Progesterone sono le due classi di ormoni che regolano il ciclo femminile. Iniziano a diffondersi le prime 'pillole' contenenti l’estrogeno naturale, il 17ß-estradiolo o E2 (l’ormone che, durante il ciclo femminile, ha un picco in corrispondenza dell’ovulazione), ma spesso l’estrogeno è un derivato dell’E2 chiamato etinilestradiolo. Il progesterone è l’ormone che domina la seconda parte del ciclo dopo l’ovulazione: il progestinico della 'pillola' ha gli stessi effetti ormonali del progesterone, ma non è il progesterone; è anzi piuttosto variabile da un contraccettivo ormonale all’altro. Quando il contenuto di estrogeno è inferiore a 35 millesimi di grammo si parla di 'pillole a basso dosaggio'. Solo pochi contraccettivi ormonali sono forniti gratuitamente dal SSN.

 

Questo per la "pillola": in quanto agli altri contraccettivi ormonali?

I cerotti transdermici hanno forma quadrangolare, di 4,6 cm di lato, e agiscono rilasciando estrogeni e progestinici a velocità costante attraverso la cute. L’anello vaginale agisce in modo analogo ai cerotti transdermici; la sua forma è quella di un piccolo anello di materiale anallergico. L’assorbimento dell’estrogeno e del progestinico lentamente rilasciati dall’anello avviene attraverso la mucosa delle vie intime femminili.


Quali donne possono utilizzare i contraccettivi ormonali senza problemi?

L’OMS ha pubblicato una lista di criteri per aiutare il medico nella prescrizione della 'pillola' e delle altre combinazioni ormonali. La valutazione del medico deve tenere conto dell’età, dell’eventuale consumo di sigarette e della storia personale della donna e dei suoi familiari più prossimi per quanto riguarda alcune malattie: ipertensione, obesità, diabete, alterazioni dei grassi nel sangue, malattie della coagulazione, trombosi, infarti e ictus, cefalee e gravi disturbi del fegato. È soprattutto importante la valutazione della pressione sanguigna: livelli superiori a 165 mmHg di massima e 95 di minima (un’ipertensione ancora piuttosto lieve) controindicano in modo assoluto l’uso dei contraccettivi ormonali. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, l’OMS non indica la visita ginecologica e l’esame del seno come indispensabili prima della prescrizione della 'pillola' o di un altro contraccettivo ormonale (in pratica, il medico di famiglia è sufficiente anche per la prima prescrizione), ma un esame del seno è consigliabile nelle donne di oltre 30 anni con precedenti in famiglia di tumori mammari.
 

Sono necessari degli esami di laboratorio prima della prescrizione?

Anche in questo caso, e contrariamente a quanto si potrebbe pensare, l’OMS è molto chiara: non sono necessari esami di laboratorio prima della prescrizione di un contraccettivo ormonale, a meno che non siano presenti alcuni fattori di rischio (per esempio, precedenti casi in famiglia di trombosi, infarti o ictus oppure di disturbi della coagulazione o di grassi elevati nel sangue). Tuttavia, dovrebbe essere eseguito almeno un controllo di colesterolo, trigliceridi e glicemia dopo qualche mese dall’inizio della 'pillola' e in seguito a distanza di qualche anno. La pressione sanguigna dovrebbe essere invece tenuta sempre sotto controllo.

L’hai trovato utile?

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paginemediche
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali