Fitboxe: la boxe del terzo millennio

fitboxe la boxe del terzo millennio
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche

C'è qualcosa di nuovo oggi in palestra, anzi d'antico: la boxe si traveste e diventa aeroboxe o fitboxe, dimenticandosi l'appellativo di sport violento e mostrando di sé soltanto il lato positivo. È la nuova moda del fitness, praticato soprattutto dalle donne. Si tratta di una disciplina che compendia in sé le mosse della boxe ed il ritmo dell'aerobica.

L'aeroboxe ha un grosso pregio, ma non è l'unico: non c'è un avversario con cui combattere, quindi non c'è il rischio di farsi male; le mosse vengono eseguite davanti ad un sacco (come quello che i boxeur usano per l'allenamento) oppure davanti ad uno specchio, con un sottofondo musicale tipico dell'allenamento di aerobica. E oltre all'allenamento c'è la possibilità di imparare a difendersi, che può sempre ritornare utile.

L'aeroboxe è indicato dai 14 ai 60 anni, ma è uno sport che impegna moltissimo, quindi per iscriversi ai corsi sarà necessario esibire un certificato di sana e robusta costituzione a livello agonistico e probabilmente anche un elettrocardiogramma. È controindicato ai cardiopatici, a chi ha problemi ossei o schiacciamento delle vertebre.

Questa disciplina coinvolge tutti i muscoli: i movimenti delle braccia rafforzano i dorsali, i pettorali, i bicipiti e le spalle; i saltelli rafforzano i muscoli delle gambe e gli addominali, snelliscono la vita e migliorano muscoli ed ossa della schiena e del bacino. Inoltre, l'aeroboxe migliora la coordinazione e l'equilibrio, e permette di bruciare circa 500 calorie a lezione.

Non c'è bisogno di un particolare abbigliamento per praticare questo sport. Saranno sufficienti un pantalone largo che permetta di muoversi senza impaccio; da sopra, gli uomini potranno indossare una semplice maglietta a mezze maniche, le donne anche un top elasticizzato.

Fondamentale è, invece, la scelta dei guantoni, che devono essere da 10 once, e dei guantini da indossare sotto, che devono essere imbottiti per proteggere le mani da microtraumi alle articolazioni.

12/07/2017
07/03/2011
TAG: Medicina dello sport | Sport e Fitness | Benessere psicofisico
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche