10-03-2004

A metà di novembre di 2003 mi è comparsa la

A metà di Novembre di 2003 mi è comparsa la febbre, che mi è durata quasi due mesi e avevo un ingrossamento diffuso delle ghiandole linfonodali, e quindi anche a livello del collo. Dopo 5 giorni di Antibiotici (Amoxil) si è abbassata limitando i picchi a 37.3. Ho fatto le analisi del Sangue ed è stato rilevato: SE 24 (fino 20 ) 5- bilirubin 23,88 (0,00-20,00), - -
- bilirubin dir. 6,16 (0,00-4.60, - -
- bilirubin ind.17,72 (0,00-15,40) - -
- Fe 31,1 (10,7-26,9) - 31,1 (10,7-26,9)
-%NEUT 2,91 (42,9- ( %), 0,51 (0,40-0,70), 2,91 (38,4- ( %),
-% LYMP 2,80 (41,4+(%), 0,31 (0,19-0,48), 2,42 (43,3+(%),
-% MONO 0,39 ( 5,8 (%) 0,07 ( 0,03-0,09 ), 0,42 ( 7,5 (%)
-% EOS 0,59 ( 8,7+(%) 0,08 (0,00-0,07), 0,53 ( 9,5+(%)
-% BASO 0,08 (1.2+(%) 0,01(0,00-0,01), 0,07 (1.3+(%)

(13.01.2004.), Paul- Bunnell : 1 : 40, P. B.Davidsohn : negativo, Mason: negativo
(17.02.2004.), CITOMEGALOVIRUS IgM- negativo, mentre gli IgG sono 1 : 18 246
Epstein- Barrov Virus IgM- negativo, mentre gli IgG sono 225 jed/ml, pozitivo, IgA- negativo.
Adesso mi permane un leggero affaticamento fisico, mi sveglio più di una volta con mal di testa. Che analisi dovrei ancora fare? Grazie.



Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
L’elenco degli esami riportati è un po’ confuso ed alcuni sono difficilmente interpretabili. Se a distanza di 3 mesi permane una sintomatologia clinica è necessario sottoporsi ad una valutazione diretta da parte del proprio medico curante, ed eventualmente, su sua indicazione, anche da uno specialista. Non è possibile porre sospetti diagnostici a distanza, né quindi dare consigli clinici di questo tipo che, obbligatoriamente, richiedono una valutazione diretta.
TAG: Infezioni | Malattie infettive
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!