31-03-2006

A seguito di due episodi notturni di forte

A seguito di due episodi notturni di forte sudorazione, vomito, diarrea e tremito, il mattino successivo mi sono ritrovata il corpo cosparso di macchie rosse che mi procuravano gran prurito. In entrambi i casi avevo bevuto due bicchierini di limoncello dopo cena. Pensando si trattasse della puntura di un insetto, il medico prescriveva una cura cortisonica e anti-istaminici da fare per sei gg. Dopo la cura avvertivo stanchezza, reflusso gastrico e uno strano sapore metallico in bocca, e mi sottoponevo ad ecografia epatica dove veniva riscontrato l'evidente ingrossamento del fegato. Che ulteriori accertamenti mi consiglia e, nel frattempo, cosa posso o non devo mangiare? Premetto che dopo il secondo malore non ho più assaggiato nemmeno un goccio di vino.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Dal punto di vista dietetico è utile seguire una dieta regolare, senza alcolici e con riduzione nella quota dei cibi grassi. Gli accertamenti da eseguire in tema di approfondimento sono quelli ematochimici eseguiti mediante prelievo venoso e che riguardano in particolar modo la funzioalità epatica (bilirubine, transaminasi, fosfatasi alcalina, GGT, quadro proteico, tempo di protrombine, emocromo con piastrine).
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!