Salve sono un ragazzo di 20 anni circa tre mesi fà ho avuto un quasi svenimento con seguente tachicardia sensazione di freddo! Da quel giorno avverto una forte costrizione al centro del petto, dispnea, dolori al torace che a volte si estendono sul braccio , tachicardia,extrasistole battito forte del cuore,problemi intestinali,,attacchi di panico colite accompagnati da febbrerella 37,37,5 con picchi a volte anche di 39 per circa due volte sono andato al pronto soccorso e mi hanno ricoverato 3 giorni per accertamenti! Ho eseguito:analisi complete del sangue: esami completi compresi gli esami tiroidei, enzimi cardiaci, reuma-test, ANA, ENA e VES 2 Elettrocardiogrammi 2 eco-doppler, holter dinamico 24h, 2rx torace tampone faringeo, gastroscopia! Tutto ha dato esito negativo tranne delle extrasistole benigne piccola ernia iatale e sindrome di gilbert. Il mio medico mi ha detto che l'ernia iatale, le extrasistole, e la sindrome di gilbert sono innocui e che tutto è riconducibile al DAP anche la temperatura corporea e mi ha prescritto ELOPRAM 40mg! Secondo lei è possibile che dopo tutti gli accertamenti cardiaci svolti possa sorgere ancora la complicanza di un rischio cardiaco?