13-03-2018

Amenorrea e metabolismo

Gentile dottore, Mi rivolgo a lei per avere delucidazioni a riguardo. La scorsa estate ho avuto un difficile periodo psicologico, causa lutto. Purtroppo non ho mangiato o ho mangiato davvero pochissimo per circa 5 mesi, perché la tristezza l'ho sempre somatizzata fisicamente e livello alimentare. Avevo sempre la nausea, la fame era totalmente scomparsa. Ho venti anni, prima del trauma pesavo 56 chili e sono alta 171 cm. A settembre mi sono ritrovata con 10 chili di meno, il minimo peso che abbia raggiunto è stato appunto 47 chili.. Ero visibilmente sottopeso. Superato il lutto, da ottobre in poi la fame è tornata, ho ripreso a mangiare ma con cautela e adesso peso 55.5 chili. Il problema è che mi sembra di mangiare meno rispetto a prima, o meglio.. Prima potevo mangiare di tutto, senza ingrassare. Adesso bastano 3 giorni di alimentazione ipercalorica che metto un chilo.

La scorsa settimana infatti pesavo un chilo in meno.. Rispetto a prima mi muovo anche di più, faccio cardio, allenamenti a corpo libero. Confrontando le foto sembro comunque più magra rispetto a prima, anche se il peso è lo stesso solo che ni chiedo "ma se continuassi così chissà quanti altri chili metterò?", perché ho come la sensazione che il mio metabolismo sia più lento. Io vorrei solo tornare al mio peso ottimale di prima e sto mangiando di meno rispetto a quando appunto, a giugno ho subito questo trauma. Poi a volte mi sembra di non capire quando sono sazia, rispetto a prima mi sembra di avere sempre fame ed è un sensazione che mi Disorienta. Purtroppo non ho il ciclo da ben 6 mesi, sembrava essere tornato lo scorso mese con qualche perdita, ma poi nient'altro. Il mio corpo sembra totalmente impazzito. In concomitanza con ciò, ho sofferto di diarrea, mal di pancia, meteorismo a causa dei latticini, scoprendo che infatti ero intollerante (ho fatto il breath test),anche se tuttora la mattina le mie feci continuano ad essere liquide, senza dolori addominali però. Secondo lei potrei aver danneggiato il metabolismo? Mi sento anche molto stanca. La ringrazio,

Cordiali saluti

Risposta di:
Dr. Giovanni Orlando
Specialista in Nutrizione e Scienze dell'alimentazione
Risposta

Salve, mi sa tanto che ci sia un po' di confusione. Preoccupata di aver perso peso, preoccupata di rimettere peso velocemente, preoccupata di aver un metabolismo "lento". Diciamo che è caduta in uno stato di anoressia involontaria, provocata dal lutto. Il suo equilibio ormonale è saltato portandola alla amenorrea, questo è dipeso dalla rapida ed eccessiva perdita di peso. Riconquistato il suo peso fisilogico man mano tutto DOVREBBE rientrare nella norma. Uso il condizionale perchè i delicatissimi equlilibri ormonali non sempre ritrovano l'assetto primitivo. Che abbia "sempre" fame è un sintomo positivo, la deplezione verficatasi nei 5 mesi di lutto deve essere ripristinata, più o meno velocemete. Se il suo organismo le chiede cibo assecondi le necessità, senza stress o ansia, le serve. Vedrà che le mestruazioni ritorneranno appena il peso sarà quello fisiologico. Sarebbe opportuno che venisse seguita da un Collega esperto in Disturbi del Comportamento Alimentare. Come detto, non è un'anoressica classica ma deve essere aiutata a riconquistare un assetto ottimale.

Le crisi diarroiche possono avere varie cause, anche teoricamente collegate al pregresso stato di lutto. Dovrei avere altri dati per essere più specifico, ad esempio, se vi è una componente mucosa nelle feci? Comunque, ultime ricerche parlano di "cervello addominale" interazione cioè tra cervello e microbiota intestinale con interconnessioni costanti, ma il discorso si farebbe difficile. Le consiglio di procedere ad una coprocoltura e se questa dovesse risultare negativa consultarsi con lo specialista già citato nella precedente risposta. Tra le varie cause che potrebbero essere poste un evidenza ci potrebbe essere uno stato di crisi ansioso-depressiva che potrebbe evere come sintomo la diarrea come da lei descritta.

TAG: BMI - Grave magrezza | BMI - Sottopeso | BMI - Sovrappeso | Dieta | Disturbi dell'umore | Giovani | Nutrizione | Psicologia | Salute femminile | Salute mentale | Scienza dell'alimentazione | Terapie