Metabolismo lento, gli errori da non fare

metabolismo lento gli errori da non fare
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor

Quando i chili di troppo proprio non vanno giù nonostante la dieta di ferro, qualcosa nel meccanismo metabolico si è inceppato. L’ago della bilancia che non scende e il peso che continua a salire sono piccoli campanelli d’allarme per intervenire senza stress e senza ansie. Spesso i sintomi di un metabolismo lento vengono confusi con altri disturbi, come problemi alla tiroide oppure ormonali. Il primo errore da evitare dunque in caso di difficoltà a perdere peso nonostante il taglio drastico delle calorie è proprio quello di confondere il disturbo con una patologia più seria. Una volta consultato il medico ed esclusi altri disturbi (diabete o problemi cardiovascolari per esempio) è bene intervenire di petto e risolvere la situazione in tempi brevi cambiando le abitudini alimentari o nei casi più difficili ricorrendo a una terapia farmacologica.

Metabolismo lento: ecco le cause e i sintomi

Il metabolismo è l’insieme dei processi biochimici che il nostro organismo mette in atto per estrarre energia dagli alimenti. Dal suo canto, il metabolismo è strettamente correlato al dispendio energetico quotidiano: cioè alla quantità di energia consumata dal corpo durante il giorno.

La difficoltà a dimagrire dunque può avere diverse cause. Per la maggior parte si tratta di fattori soggettivi: concorrono al metabolismo lento una dieta squilibrata, l’assenza di sonno, i periodi di stress o di digiuno, la sedentarietà, l’ipotiroidismo. Il metabolismo può subire sbalzi anche a causa dell'età e delle diverse fasi ormonali della vita femminile. La menopausa, a causa della ridotta attività della ghiandola tiroidea, si contrappone alla gravidanza, stato in cui il metabolismo tende ad accelerare. Al metabolismo lento si lega di frequente un senso di forte stanchezza. Altri sintomi sono la pressione bassa, brividi e tremori, sudorazione eccessiva, sensibilità al freddo, intestino pigro, stitichezza, gonfiore addominale, secchezza della pelle e dei capelli.

Errori da non fare in caso di metabolismo lento

Uno dei problemi di chi è spesso a dieta è l’apporto insufficiente di calorie che a lungo andare riduce la capacità dell’organismo di bruciare grassi e calorie e quindi rallenta il metabolismo. Per questo i nutrizionisti consigliano pasti semplici ma frequenti. Il digiuno, spesso adottato nelle diete fai da te, non è mai una buona idea e rischia di ottenere l’effetto contrario a quello che si desiderava in partenza. Se il metabolismo ha subito uno stop, le diete ipocaloriche sono assolutamente da evitare. La regola di un’alimentazione sana prevede cinque pasti al giorno: in questo modo il metabolismo si risveglia. Seguire una dieta bilanciata che preveda la presenza di tutti i nutrienti. Bere tanto: consigliati due litri di acqua al giorno, meglio se con un residuo fisso inferiore a 150 mg per litro.

Bandita anche la sedentarietà: sul metabolismo regolare agisce anche uno stile di vita attivo. Inutile ricordare che le persone che fanno una vita sedentaria ingrassano più velocemente. Una passeggiata al giorno, preferire le scale all’ascensore o l’andare a piedi rispetto a prendere l’auto sono attività sufficienti a non fare impigrire i muscoli che, in una vita fisicamente attiva, sono in grado di bruciare calorie anche a riposo e certamente in maniera più rapida.

Spazzati via un’alimentazione scorretta e la scarsa attività fisica, si può ricorrere anche ad alcuni rimedi naturali in grado di ridare una sferzata di vitalità al metabolismo. Esistono alimenti che potenziano la termogenesi (l’energia che l’organismo spende in più ogni volta che si assume del cibo): lievito di birra, polline, zenzero, peperoncino aiutano, assieme a salice bianco, cacao, tè scuro, tè verde, caffeina, arancio amaro, erba mate in infuso, fucus, laminaria e altre alghe. Per capire quali integratori assumere e in che dosi è sempre bene ricorrere a un esperto. 

Per approfondire guarda anche: “Malattie della tiroide”

Leggi anche:
L’insonnia è una condizione patologica, un disturbo del sonno che ha ripercussioni sulla qualità della vita.
23/05/2018
23/02/2018
TAG: Adulti | Apparato Digerente | BMI - Obesità di I classe | BMI - Obesità di II classe | BMI - Obesità di III classe | BMI - Sovrappeso | Ghiandole e ormoni | Giovani | Nutrizione | Prevenzione | Scienza dell'alimentazione | SLEEP - Disturbi del sonno | SLEEP - Insonnia | STEP - Sedentario | Endocrinologia e malattie del ricambio
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor