Buongiorno anni fa ero stato riconosciuto come asmatico, lavoro in una biblioteca pubblica e già qualche tempo fa il medico del lavoro aveva prescritto dei dpi per via della mia patologia, che quindi è stata riconosciuta a distanza di anni senza necessità di ulteriori accertamenti. In vista dell'imminente probabile riapertura di biblioteche e musei nell'emergenza pandemica da coronavirus volevo sapere se la mia patologia può essere riconosciuta come giusta causa di esenzione dal servizio, dato il contatto continuativo col pubblico e il maneggiamento di materiali (libri) soggetti a contaminazione in quanto continuamente circolanti al prestito. In caso affermativo come muovermi? Grazie