29-08-2017

Assumere BCAA durante terapia psichiatrica

Salve sono un ragazzo di 28 anni. È da circa 2 anni e mezzo che seguo una terapia contro attacchi di panico ed ansia. Da circa 6 mesi sono riuscito a diminuire le dosi, sono passato da 1mg di xanax a rilascio graduale e 10mg di cipralex a 0,25 di xanax e 5mg di cipralex (al giorno), il mio obbiettivo è "guarire" da questo problema che in questi anni mi ha fatto mettere su una decina di kg, (1.80 per 81kg attualmente). Ho cominciato da qualche mese a praticare attività fisiche miste e mi è stato consigliato di assumere BCAA (aminoacidi ramificati) per risultati migliori. Volevo sapere se questi aminoacidi possono entrare in conflitto con la terapia che sto seguendo. Ringrazio in anticipo per la disponibilità! Grazie mille!

Risposta

Gentilissimo i BCAA li puoi trovare nel tacchino alla piastra, nel parmigiano reggiano fresco max di 24 mesi. Per consumare aminoacidi ramificati servono attività fisiche di lunga durata tipo ciclismo e corsa a piedi per più ore e quasi tutti i gg. I BCAA non influiscono o intergiscono con i farmaci elencati i quali a loro volta influiscono invece sul tono muscolare. Puoi mirare all'obiettivo preposto integrando psicoterapia cognitivo comportamentale e attività fisica sia all'ara aperta e sia con posture tipo yoga di un certo impegno. Saluti Bartolomeo GIORGIO

TAG: Farmacologia | Malattie psichiatriche | Medicina dello sport | Psichiatria | Salute mentale | Sport e Fitness