Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
Antipertensivi: quando e come usarli
3 minuti di lettura

Antipertensivi: quando e come usarli

Per regolare la pressione sanguigna ed evitare i danni è necessario assumere con regolarità l'antipertensivo prescritto dal medico.
In questo articolo:

Cosa sono gli antipertensivi

Il medico ha oggi a disposizione molti farmaci per ridurre la Pressione sanguigna con meccanismi d’azione diversi: diuretici, α- e ß-bloccanti, calcio antagonisti, ACE-inibitori, sartani e molti altri.

Solo i grandi studi clinici internazionali permettono di orientarsi in questo labirinto di antipertensivi: ciascuno soprattutto adatto a particolari sottogruppi di ipertesi con specifiche caratteristiche. In molti casi, si tratta ormai di farmaci 'generici' e basso costo, ma altrettanto efficaci e sicuri dei farmaci 'griffati'.

L’importanza di controllare sempre la pressione sanguigna

Perché è importante tenere sotto controllo la pressione sanguigna, controllandola spesso e mantenendola nei suoi limiti ideali di 80/120 mmHg?

(Limiti ideali, rispettivamente, della pressione minima o diastolica e di quella massima o sistolica). L’ipertensione non sembrerebbe nemmeno una malattia perché è di solito priva di sintomi, se non per qualche giramento di testa e qualche Cefalea per livelli di pressione massima elevati.

Il vero pericolo è soprattutto la pressione che sembrerebbe più innocente, la minima: già livelli di pressione diastolica di 95-100 mmHg danneggiano lentamente e silenziosamente le arterie più piccole soprattutto del cuore, degli occhi e del rene.

L’oculista, per esempio, esaminando il fondo dell’occhio riconoscerà immediatamente per la particolare lucentezza i piccoli vasi arteriosi induriti dalla pressione elevata di un iperteso che non sapeva di esserlo. All’atto pratico, un’ipertensione, troppo spesso ignota a moltissimi che ne sono colpiti, è più o meno sempre presente nei pazienti con problemi cardiaci, renali o oculari.

L’importanza di assumere sempre con costanza l’antipertensivo prescritto

Di conseguenza, è importante controllare la pressione ogni volta che si va dal medico; soprattutto, dopo la diagnosi, è importante assumere senza interruzioni l’antipertensivo che è stato prescritto dal medico per evitare che i danni dell’ipertensione peggiorino silenziosamente.

Come detto, il problema principale dell’ipertensione è che la pressione alta non dà sintomi, mentre gli antipertensivi possono causare piccoli effetti indesiderati: per esempio, un po’ di tosse nel caso degli utilizzatissimi ACE-inibitori. Tuttavia, il rischio dei silenziosi danni dell’ipertensione è troppo elevato: occorre a tutti i costi evitare d’interrompere l’assunzione dell’antipertensivo, anche a costo di qualche piccolo effetto indesiderato.

Se proprio gli effetti collaterali sono insopportabili, senz’altro il medico saprà trovare un altro antipertensivo altrettanto efficace, ma che darà meno problemi. L’importante è non interrompere mai la costante assunzione del farmaco secondo le raccomandazioni del medico.

In conclusione

Diagnosticare l’ipertensione è fondamentale per evitare i subdoli, ma a lungo termine gravi e irreversibili danni di questa comunissima malattia con pochi sintomi. Fondamentale responsabilità del paziente per evitare i silenziosi danni che l’ipertensione gli infliggerà col tempo è assumere con regolarità il farmaco che il suo medico ha scelto per lui.

L’hai trovato utile?

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paginemediche
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali