Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

24-06-2016

Autoerotismo infantile, cosa fare?

Mia figlia usa una qualsiasi matita che trova in casa e si abbassa pantaloni e slip per sfregarla vicino al sedere arrossandosi poi e parti intime. Da qualche settimane le ho nascosto tutti colori che le do solo se mi chiede di disegnare ma non le faccio più chiudere le porte come faceva prima. Così facendo non si sta masturbando più, ma persiste il problema che quando va in braccio al padre o le si siede addosso cerca sempre di toccargli il pene.

Mio marito le sposta più volte la mano senza darle peso fin quando poi è costretto dopo vari tentativi di toccarlo a farla scendere. Mi ha chiesto se mio marito non accetta mia figlia, lui la ama giustamente, ma la mancanza d'affetto che ha avuto nei suoi confronti è data dal fatto che (a parte che per un problema caratteriale che ha tutta la sua famiglia di non essere espansivi nel dimostrare i loro sentimenti) quando mia figlia è nata aveva un reflusso gastroesofageo molto grave diagnosticato solo a 9 mesi quando già la situazione si era aggravata, quindi la bambina stando sempre male non dormiva ne di notte ne di giorno e piangeva continuamente, avendo anche un carattere molto vivace e poco ubbidiente, è stato molto difficile crescerla i primi anni di vita. Quindi mio marito avendo poca pazienza con i bimbi piagnucolosi e disubbidienti non è stato affettuoso e coccolone con lei, la maggior parte dei suoi interventi erano per educarla o rimproverarla quando si comportava male, a differenza col fratellino, che essendo molto buono e coccolone, lo riempie di baci e sorrisi. Spero di essere stata esaudiente e che possa aiutarmi nel risolvere il problema (se così sia) del fatto che mia figlia cerchi sempre di toccare la parti intime del padre.
La ringrazio anticipatamente, cordiali saluti.
Risposta di:
Dr. Marcello Palmeri
Specialista in Gastroenterologia e Pediatria
Risposta
Gentile mamma,
purtroppo situazioni come quella da lei descritta non sono rare, denotando che l'autoerotismo è frequente nei bambini piccoli e fa parte del, diciamo così, normale percorso di autoesplorazione. Atteggiamenti repressivi da parte vostra sono completamente da bandire, perché potrebbero generare nella piccola dei risvolti negativi sulla propria sessualità. A volte vuole essere un modo per attirare l'attenzione e/o richiedere delle coccole, oltre ad un fatto puramente edonistico e di gratificazione personale, come anche lo stesso atto di toccare le parti intime del padre. Credo che il vostro comportamento fino a questo momento sia stato quello giusto, e cioé, a parte l'imbarazzo, di minimizzare la cosa e di correggerla senza reprimerla. I bambini piccoli non hanno il senso del pudore e lo svilupperanno successivamente con risvolti positivi sull'autoerotismo, non determinandone sicuramente la scomparsa, ma una modifica, facendo si che questa pratica non si svolgerà più in pubblico. Ma in tutto questo, che età ha sua figlia ?
Saluti. 
TAG: Bambini | Neuropsichiatria infantile | Organi Sessuali | Pediatria
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!