Salve, ho esigenza di cercare una risposta su questa situazione.Sono una ragazza di 21 anni.Premetto che dopo una torsione ovarica che ha portato alla necrosi parziale di un ovaio, mi è stato consigliato dal ginecologo di assumere pillola per mantenere la situazione a riposo ed è da marzo che assumo loette.Non mi ha mai causato problemi se non intenso Spotting precendente alle false mestruazioni della pausa, cosa che si era risolta negli ultimi due mesi.Questo ultimo mese ho avuto un crollo fisico a livello ginecologico: l'8 settembre ho avuto le mestruazioni da pausa fino al 12 ed il 21 settembre son tornate, durando fino al 2 ottobre. In questo periodo ho avuto acne, tensione al seno e dolore, secchezza e bruciore vaginale, ingrossamento dei noduli al seno, tristezza e insonnia (tutto a causa della pillola?).Fatta questa premessa, il problema è che è da un mese che avverto sensazione di bruciore che mi impedisce qualsiasi genere di penetrazione (anche del tampax, per esempio), sento molto dolore, come se ci fosse attrito, anche con un lubrificante proprio perché pensavo fosse legalo alla secchezza vaginale, o tante lesioni a livello della mucosa vaginale.Aggiungo che il 13 settembre, subito dopo il primo ciclo regolare da pausa, ho fatto una visita ginecologica completa proprio per questo motivo, sospettando candida. Ha fatto ecografia interna e visita manuale, oltre ad un Pap test che non ha riportato nulla di anomalo.L'unica cosa che risulta è una pieghetta che mi porto dietro da tempo, al collo dell'utero (quindi in profondità, mentre io avverto questa sensazione sin dall'apertura vaginale) che risulta essere infiammata e che devo fare cicatrizzare con degli ovuli Cosa posso fare per capire il problema? Torno dal ginecologo? Cosa potrebbe essere? È un problema psicologico o posso fare ulteriori esami ed approfondimenti? Questa situazione mi rattrista molto perché ci tengo all'intimità con il mio ragazzo