Buonasera. Sono una mamma di 2 bimbi, quasi39enne. A fine settembre del 2020, di ritorno da 3 giorni di vacanza al mare, ho cominciato ad avere i primi bruciori intimi. Ho fatto un tampone ed è spuntata soltanto la candida, che ho cercato di curare. Ma i problemi continuavano. Bruciore vaginale, difficoltà a defecare, presumibili emorroidi interne infiammate. In seguito alla comparsa di piccole vescicole tra le piccole e le grandi labbra, ho fatto il test specifico per l'herpes simplex e sono risultata positiva ma non l 'ho curato in quanto le igm non erano altissime pertanto il ginecologo non mi ha prescritto nulla. Ho continuato, in seguito, a fare diverse cure per il colon irritabile,le emorroidi e la candida finché, in seguito ad un altro tampone, è spuntata la klebsiella. Ho preso due antibiotici ma i problemi erano e sono sempre identici. Ho rifatto il tampone e ancora la klebsiella non è stata eliminata. Ho fatto un altro ciclo di antibiotico ma sembrava stessi migliorando e invece tutto è tornato quasi come prima. Ho iniziato, così, da 3 giorni, una cura per probabili emorroidi interne infiammate con cortisone e prisma datami dal gastroenterologo qualche tempo fa e non iniziata perché in attesa di fare il vaccino anti covid. Il mio ginecologo mi rassicura sul fatto che non si tratti di vulvodinia perché ha toccato i trigger point in diverse visite ed io non me ne sono nemmeno accorta. Non ho dispareunia. Non ho fitte, scosse, sensazione di punte di spillo. I miei sintomi persistono oramai, quindi, da tempo e complessivamente sono questi :bruciore alle grandi labbra, esterno che continua fino alla zona perineale ed anale soprattutto dopo attività fisica (fra l'altro sono un'insegnante di scienze motorie!), dopo essere stata seduta a lungo, dopo defecazione difficile, e nei momenti più carichi di stress; bruciore talvolta alla minzione ; bruciore talvolta alla forchetta vulvare ;senso di pesantezza a livello vescicale e tensione al tratto lombo-sacrale ed inguinale. L'osteopata mi ha trattato le tensioni muscolari della zona perineale tuttavia dice che il perineo non è particolarmente contratto, anzi! Vi chiedo, a questo punto, in base a quanto scritto, di cosa potrebbe trattarsi. Sono abbastanza scoraggiata e riesco a stare bene solo durante la notte e quando sono più tranquilla essendo una persona molto ansiosa e che somatizza praticamente qualsiasi cosa in qualsiasi punto del corpo (ho infatti psoriasi, colon irritabile, reflusso, orticaria psicosomatica, attacchi di panico). Vi ringrazio anticipatamente per avermi ascoltato e vi porgo i miei più cordiali saluti.