Buon giorno e grazie a tutti i signori medici che vorranno prendere in esame la mia situazione.In seguito a una colica renale (nello specifico riguardante il rene sinistro) risolta senza problemi, l'ecografia di controllo ha evidenziato la presenza di numerosi piccoli calcoli nella cistifellea, nonché di 'fango' biliare. Non ho mai avuto coliche di... Leggi di più fegato in passato, né gravi sintomatologie legate a questa evidenza. Negli ultimi anni ho accusato comunque una notevole pesantezza dopo il pranzo ed episodicamente una digestione piuttosto macchinosa e difficile, anche di liquidi; non so però se questi potrebbero essere sintomi legati alla condizione della cistifellea, e chiedo eventualmente lumi in proposito.Seguendo il consiglio dei medici ho deciso, senza troppi scrupoli, di sottopormi all'asportazione della cistifellea tramite laparoscopia. Ora le domande che vorrei rivolgere, e che penso interessino tante persone nella mia condizione, sono;-è il caso di procedere all'asportazione senza troppi scrupoli o sarebbe il caso di procedere con terapie alternative, tenendo presente che mi è stato diagnosticato nell'infanzia il morbo di Gilbert?-dal momento che non ho mai accusato sintomatologie gravi (pancreatite, coliche di fegato e via dicendo), vale la pena di sottoporsi a un intervento, coi rischi che ne conseguono? La tecnica della laparoscopia è sufficientemente collaudata e sicura?-essendo io uno sportivo agonista di livello, e dovendo ridurre al minimo i cali di preparazione atletica e muscolare, posso sperare di tornare a una moderata attività fisica dopo non più di 15-20 giorni?-dovranno cambiare in qualche modo le mie future abitudini alimentari (dopo una vita di alimenti ricchi di proteine e carni) o si tratterà di porre particolare attenzione solo nelle prime settimane?Chiedo venia della prolissità e ringrazio dell'ottimo ed utilissimo servizio offerto.A presto