Buonasera,nel giugno del 2004 mi è stato diagnosticato, tramite un’endoscopia respiratoria, una neoformazione laringea stadiata CT2N0M0.Durante il ricovero sono stato sottoposto a trattamento endoscopico durante il quale mi è stata riscontrata neoformazione infiltrante e vegetante localizzata a livello interaritenoideo che si estende a livello sottoglottico fino al castone cricoideo.Sono state inviate ampie porzioni di materiale neoformato per l’esame istologico che ha dato esito di carcinoma squamoso infiltrante. Sono poi stato sottoposto a TC del collo e mi venne proposto, tenendo conto della sede e dell’estensione della lesione, in alternativa alla laringectomia totale, un protocollo di conservazione d’organo con radioterapia e chemioterapia (chemioterapia= 6 cicli a intervallo di 20 giorni; radioterapia=40 sedute).Seguii quanto prescritto e dopo 3 mesi di cicli di chemioterapia (costituta da cisplatino 35 mg totali e fluorouraricile 1900 mg totale in infusione continua x 5 gg consecutivi) mi fecero una visita dall’otorino con laringoscopia ottica e tutto quello che mi avevano diagnosticato inizialmente era miracolosamente scomparso.Continuarono il protocollo iniziando le sedute di radioterapia e dopo un mese di sedute mi venne fatta la TC laringe con e senza contrasto che ha dato esito negativo.Finisco tutto il protocollo nel dicembre del 2004. Prima di iniziare chemio e radio Mi sono rivolto ad un altro otorino per una consulenza senza visita e senza aver fatto esami istologici e con l’unico protocollo che avevo mi voleva sottoporre alla laringectomia totale. Ancora oggi mi sottopongo a visite di controllo con TC, Fibroscopia, Eco…etc…e mi chiedo se è normale che tutto questo può essere sparito in soli 3 mesi di chemio o possono aver confuso gli esami?c’è un esame specifico che può vedere se veramente sono stato colpito da questo male?In attesa di Vostre risposte in merito, ringrazio anticipatamente.