Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Medici
  • Salute A-Z
  • Per le aziende
L’ESPERTO RISPONDE

Buongiorno dottore, ho 65 anni e da gen. 2001

Buongiorno Dottore, ho 65 anni e da gen. 2001 controllo la prostata, dopo che mio fratello è stato operato di carcinoma prostatico, e mi è stata diagnosticata una IPB. Da allora i valori del PSA Tot e Free si sono mantenuti entro i limiti normali.Al controllo di set. 2006 è risultato PSA 2,68 - Free 0,48 - Rapp. 18 e a seguito di un innalzamento del PSA rispetto al valore precedente (1,85), data la familiarità, sono stato sottoposto ad una biopsia con 16 prelievi dalla quale è risultata: “frammenti di parenchima prostatico con focale infiltrazione flogistica cronica aspecifica e aspetti di PIN di basso grado”.Ho continuato i controlli periodi e per i due anni successivi il PSA Tot variava fra 2,09 e 2,86; il Free fra 0,41 e 0,88 e il Rapporto fra 18 e 31.Al controllo di nov. 2009 è risultato Tot. 4,15 - Free 0,64 e Rapp. 15. A seguito di questi valori, ho eseguito una ecografia transrettale con questo esito: “VESCICA: distesa - pareti regolari - assenti calcoli - RPM 46 ml. - modesta impronta prostatica. PROSTATA: Ghiandola di dimensioni nella norma - Diam. l.l. 52 mm. - Diam. c.c. 56 mm. - Diam. a.p. 37 mm. - vol. 57 ml. Ecostruttura disomogenea con adenoma centrale (25 mm.) e piccole calcificazioni periuretrali e periadenomatose - Echi capsulari integri” VESCICHETTE SEMINALI: distese, simmetriche, non dilatate a contenuto normoecogeno”.A seguito delle suddette indagini a gen. 2010 mi hanno sottoposto ad una seconda biopsia con 16 prelievi dalla quale è risultato: “frustoli di tessuto prostatico con iperplasia nodulare e diffusa prostatite linfocitaria. La caratterizzazione I.I.C. ha evidenziato positività per 34betaE12 lineare nelle sezioni esaminate”. Nessuno è riuscito a spiegarmi cosa fosse la positività riscontrata. Ho continuato i controlli periodici del PSA con questi risultati:mar. 2010: Tot 3,89 - Free 0,41 e Rapp. 11lug. 2010: Tot 4,38 - Free 0,916 e Rapp. 21feb. 2011: Tot. 5,61 - Free 1,06 e Rapp. 19visto l’incremento e per escludere l’influenza sul PSA della prostatite cronica evidenziata dalla biopsia, ho seguito una terapia con Breaflog (2 cpr mattina e sera) per 12 giorni e Tavanic 500 per 10 giorni. Al 13° giorno ho ripetuto l’esame con questo risultato:PSA tot. 5,75 - Free 1,22 e Rapp. 21Detto quanto sopra e precisando che a livello farmacologico assumo il Pradif, Le chiedo gentilmente se può, allo stato dei fatti, darmi un Suo parere sul significatp dell’aumento dei valori che sto registrando e cosa altro dovrei fare per accertare lo stato della mia prostata. La ringrazio infinitamente Raffaele.
Risposta del medico
Dr. Giuseppe Quarto
Dr. Giuseppe Quarto
Specialista in Urologia e Andrologia
gentile utente il psa può aumentare non solo in caso di tumore alla prostata ma anche in presenza di infiammazione cronica che di ingroassamento della ghiandola, nel suo caso alla biopsia è appunto presente un infiammazione alla prostata. la quale infiammaizone provoca cmq un alterazione della struttira ghiandolare della prostata, che ha provocato tali alterazioni allo studio biochimico della biopsia. nel suo caso può essere utile per decidere si fare una nuova biopsia oppure no il test del PCA3
Risposto il: 09 Marzo 2011
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali