06-02-2006

Buongiorno e grazie per il vostro servizio.sono un

Buongiorno e grazie per il vostro servizio.sono un uomo di 36 anni, che da un po' di anni, di tanto in tanto, soffre di disturbi credo di origine cardiaca. premetto che da esami fatti in passato mi avevano riscontrato una tachicardia sinusale, t piatte, alti voltaggi (perdonatemi ma ho scitto come leggevo) e anche un soffio credo mesosistolico (ma valvole e camere perfettamente nella norma) (dico credo xche' non mi trovo l'esame al momento). i medici mi hanno sempre detto che potevo fare tranquillamente sport, cosa che per altro ho sempre fatto, alla visita per passare in servizio permanente effettivo (dato che sono militare di carriera) sono risultato idoneo incondizionatamente al servizio militare (la tachicardia me l'hanno trovata durante quegli esami). i sintomi che accuso (ripeto di tanto in tanto) sono senso di stanchezza, affaticamento, sento che i battiti del Cuore sono molto forti (la frequenza e' sui 70/75/80 battiti per minuto quando sono a riposo e tranquillo), a volte un po' di nausea, anni fa ho avuto dei giramenti e nelle ultime settimane ho accusato come dei tuffi al cuore che si ripercuotevano anche alla gola, Dolore vero e proprio non mi e' mai capitato, qualche fitta si. aggiungo che soffro un po' di Meteorismo e che ho un'ernia iatale, aggiungo e finisco ,facendo sport o facendo all'amore, paradossalmente sto bene, rilassato senza accussare malesseri. vi ringrazio ancora.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Quelli che lei descrive sembrerebbero essere sintomi non dovuti a patologie organiche del cuore. La sensazione di tuffo al cuore può essere determinata dalla comparsa di extrasistoli che abitualmente non devono destare preoccupazioni in considerazione anche del fatto che ernia iatale e meteorismo possono condizionare questi disturbi. La presenza di un soffio mi induce però a consigliarle l’esecuzione di una ecocardiografia color Doppler al fine di escludere patologie cardiache.