26-01-2006

Buongiorno, le chiedo un parere im merito a quanto

BUONGIORNO, LE CHIEDO UN PARERE IM MERITO A QUANTO SEGUE: MIO PADRE HA SUBITO UN INFARTO MIOCARDICO SUBENDOCARDICO E NATURALMENTE E' STATO RICOVERATO D'URGENZA E SOTTOPOSTO AI SEGUITO ESAMI: -ECOCARDIOGRAMMA, CHE HA RILEVATO IPOACINESIA SETTALE FE a 65 ED UN LIEVE VERSAMENTO PERICARDICO PP a 40 (COSA SIGNIFICA ESATTAMENTE??); -ECG RITMO SINUSALE FREQ 70/m PR = 0'20' LIEVE LESIONE SUBENDOCARDICA INFOLATERALE - ESAME Emodinamico (CORONAROGRAFIA) TRONCO COMUNE DI MEDIA LUNGHEZZA INDENNE I.V.A. RAMO DI BUON CALIBRO E DISTRIB. CON SUBOCCLU- SIONE (99%) COMPLESSA LUNGA ED IRREGOLARE AL TERZO PROSSIMALE MEDIO, INDENNE IL RESTANTE DECORSO DEL VASO Ia DIAGONALE RAMO ESILE IIa DIAGONALE, RAMO DI DISCRETO CALIBRO E DISTRIB. CON Ateromasia SEGMENTARIA SIGNIFICATIVA (80%) PROSSIMALE, INDENNE IL RESTANTE DECORSO DEL VASO INTERMEDIO CIRCONFLESSA, RAMO DI BUON CALIBRO E DISTRIBUZIONE PRESENTA ATEROMASIA SEGMANTARIA SIGNIFICATIVA (70%) DISTALE OM1 RAMO DIDISCRETO CALIBRO E DISTRIBUZIONE PRESENTA ATEROMASIA FOCALE LIEVE (30% ) OSTIALE INDENNE IL RESTANTE DECORSO DEL VASO OM2 RAMO DI BUON CALIBRO E DISTRIB. PRESENTA ATERO- MASIA FOCALE SUBCRITICA (60%) OSTIALE E ATEROMASIA ECTASIZZANTE AL TERZO PROSSIMALE, INDENNE IL RESTANTE DECORSO DEL VASO IVP CORONARIA DESTRA, RAMO DI DISCRETO CALIBRO E SCARSA DISTRIBUZIONE PRESENTA ATEROMASIA SEGMENTARIA SIGNIFICATIVA (90%) AL TERZO PROSSIMA- LE, INDENNE IL RESTANTE DECORSO DEL VASO E' SEGUITA L'ANGIOPLASTICA CORONARICA ALLA IVA PROSSIMALE CON GUIDINO BMW UNIVERSAL PALLONE MAVERICK 2.0X20 STENTTAXUS 3X12 TAXUS 3X24, NUMERO 4 DILATAZIONI, DILATAZIONE TM. MAX 15 - TM. TOT. 50, SULLA LESIONE AL TERZO PROSSIMALE MEDIO, CON UN BUON RISULTATO ANGIO- GRAFICO FINALE. RIENTRATO IN REPARTO E RIMASTO ASINTOMATICO ED IN COMPENSO EMODINAMICO ECG ALLA DIMISSIONE BRADICARDIA SINUSALE FREQ. 78/M LIEVE ISCHEMIA SUBEPICARDICA SETTALE, (COSA SIGNIFICA???) Terapia: CONGESCOR 1 COMPRESSA ORE 8,00 ZOPRANOL 1 COMPRESSA ORE 8,00 PLAVIX (CALSSE A) 1 COMPRESSA ORE 12 (6MESI+6) CARDIOASPIRINA 1 COMPRESSA DOPO PRANZO TORVAST 1 CP LA SERA LA MIA DOMANDA E' QUESTA: E' POSSIBILE CHE IL VASO DILATATO MEDIANTE GLI STENT POSSA RICHIUDERSI??) SONO INOLTRE MOLTO PREOCCUPATA SULLE PERCENTUALI ABBASTANZA ALTE DELLE ATEROMASIE PRESENTI NELLE ALTRE CORONARIE, SIGNIFICA CHE IL VASI SONO CHIUSI PER LE PERCENTUALI INDICATE OPPURE IL SIGNIFICATO E DIVERSO?? C'E' IL RISCHIO DI UN'ALTRO INFARTO?? E' CONSIGLIABILE TENERE IN CASA LE COMPRESSE DI NITROGLICERINA?? PREMETTO CHE MIO PADRE HA SMESSO DI FUMARE CIRCA 20 ANNI FA, E LA SUA DIETA E' ABBASTANZA SEMPLICE ED EQUILIBRATA PREFERENDO LA VERDURE. CHE TIPO DI VITA DEVE CONDURRE PER ABBASSARE IL PIU' POSSIBILE I RISCHI?? (CONSIDERANDO CHE NONOSTANTE L'ETA' FA L'AGRICOLTORE A TEMPO PIENO E NON SI RISPARMIA IN SFORZI E FATICHE) MI SCUSI SE MI SONO DILUNGATA TROPPO MA HO CERCATO DI ESSERE IL PIU' PRECISA POSSIBILE, PER FORNIRLE MAG- GIORI INDICAZIONI, SONO MOLTO PREOCCUPATA E VOR- REI EVITARE QUANTO GIA' ACCADUTO CERCANDO DI PREVENIRE IL PIU' POSSIBILE GRAZIE MILLE.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
E' stato dilatato il ramo più importante del cuore e quindi sarei più tranquillo sulla prognosi del papà. Gli altri rami colpiti non sembrano essere così importanti. La dilatazione è stata eseguita con uno stent medicato (a bassissima percentuale di ristenosi). Direi in sostanza che è stato eseguito un buon lavoro. Le consiglierei però di affidare il papà ad un Cardiologo che lo possa seguire nel tempo e darle le risposte più opportune in base agli esami cui si sottoporrà nel prosieguo (ECG da sforzo, Ecocardio, etc.).