12-03-2008

Buongiorno. mio fratello un mese e mezzo fa è

Buongiorno. Mio fratello un mese e mezzo fa è stato ricovrato per aver contratto epatite B. e' stato dimeso la scorsa settimana dopo 40 giorni di ospedale, tempo in cui mentre il valore delle transaminasi sono scesi (da 4000 a meno di 100 attuali) non lo stesso è avvenuto per il valore della bilirubina che ha raggiunto un picco di 28,9 al valore attuale di 16. in questo periodo di ricovero, gli è stato somministrato cortisone, successivamente tolto a causa delle interferenze che dava con il diabete (e' diabetico da insulina da 5 anni). dopo una serie di accertamenti è stato verificata tramite eco un addensamento di bile che ustruisce di dotti. A questo proposito è stato somministrato un farmaco che aiutasse a sciogliere. Il valore alto della bilirubina porta a qualche grave conseguenza? a quale centro specializzato possiamo rivolgerci abitandoin provincia di Lecco? MAgari a Milano? grazie di cuore
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Il valore cui fa riferimento (28.9 e 16) non porta a conseguenze dirette, purchè sia transitorio. Può rivolgersi presso la Gastroenterologia dell’Ospedale “Riguarda” di Milano, certamente esperta in tali problematiche.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna