Buongiorno, sono stato ricoverato dall'inizio del mese di agosto sino alla fine del mese di ottobre 2006 presso l'ospedale di Taranto e Bari per sanguinamento delle varici esofagee. Ho vomitato tanto di quel sangue che mi hanno praticato più di una ventina di trasfusioni. Alla fine di ottobre sono anche entrato in coma epatico. Mio fratello, finalmente, ha sentito parlare di un intervento di TIPS che poteva ristabilire il mio stato di salute, anche se rimane l'epatice C, presso l'ospedale MIULLI di Acquaviva (BA). Infatti sono arrivato lì in ambulanza il 3 novembre 2006 e ne sono uscito, CON LE MIE GAMBE, l'8 sempre di novembre (chiaramente dopo essere stato sottoposto alla TIPS) ed ora sto sempre meglio, anche se prendo poche pillole e faccio controlli del sangue. Un altro controllo che faccio è l'ECOCOLORDOPPLER DELLO SHUNT PORTO-SISTEMICO INTRAEPATICO.Per non andare sempre da Taranto ad Acquaviva, ho cercato tramite la ASL regionale un Ospedale (vicino Taranto) che facesse quest'analisi. Sono cascati dalle nuvole: non hanno mai sentito parlare di TIPS e dell'esame. Finalmente dopo qualche giorno mi hanno contattato e mi hanno riferito che l'esame lo fanno al Miulli di Acquaviva. Essendo stato operato lì, già lo sapevo, e mi chiedo: E' un esame talmente difficile che in tutta la Puglia non ci sia un medico che lo sappia fare? Comporta qualche grave difficoltà? A me è sembrato un normalissimo esame fatto con una normale apparecchiatura per ecodoppler. Se non sbaglio, l'esame controlla il flusso di sangue alla vena porta per evitare pressione alta alle varici esofagee. Mi potete illuminare Voi meglio su questa metodica? E mi sapreste dire anche se vi è una struttura a Taranto o nelle immediate vicinanze per fare l'esame, anche a pagamento? Grazie. Riccardo