05-02-2006

Cara redazione, da novembre ho i seguenti sintomi:

Cara redazione, da Novembre ho i seguenti sintomi: Dolore al fianco destro e per la precisione alla altezza delle costole mobili, quindi piu' sulla schiena che di fronte). Il dolore si irradia davanti in zona epatica e verso lo Stomaco. Mangiando ho la sensazione che il dolore si attenui. Dolore sotto entrambi i piedi poco prima delle attaccatura delle dita. Come se ci fosse un "cuscinetto" che duole all'appoggio. Non migliora camminando... anzi. Fatte le analisi del Sangue a inizio di Dicembre gli unici valori leggermente fuori norma erano: Albumina (valore assoluto leggermente piu' basso del minimo), Gammaglobulina alfa 2 (valore assoluto leggermente piu' alto del massimo), Percentualmente invece rientrano nella norma. Transaminasi: al mio minimo storico (mai avute cosi basse). Una ecografia dell'addome, sempre a inizio Dicembre, non ha evidenziato niente di piu' di un "fegato ingrossato". Con il passare dei mesi sto diventando da "tendenzialmente" diarroico a tendenzialmente stitico. Il medico di base non trova un nesso tra le cose e non ritiene per ora necessarie ulteriori analisi o terapie. Il punto e' che la cosa, con andamenti alterni (qualche giorno e' piu' forte, qualche giorno di meno) dura oramai da tre mesi. Qualche idea? cordiali saluti. silvio.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Riteniamo che da quanto ci esponde possa escludersi un coinvolgimento del fegato. Gli esami biochimici che descrive non indicano problematiche epatiche. E’ utile, a nostro giudizio, che si sottoponga ad esame ecografico addominale, per verificare l’eventuale presenza di calcolosi colecistica. Da valutare l’opportunità di effettuare anche una Gastroscopia.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna