L’ESPERTO RISPONDE

certo il depakin non va più bene

Mi ricollego a quanto discusso qualche mese fa:crisi di assenze : acido valproido-dosaggi Codice domanda: S373N3G3L1DomandaDa circa 3 anni il mio bimbo è in cura con il depakin 200 ml mattina e 200 ml sera per crisi di assenza al momento del risveglio. Adesso ha 10 anni e pesa 36 kg. Dall'ultima analisi del sangue è emerso un valore di acido valproico di 25 (Limite 50 - 100 ). Essendo aumentato di peso di quasi 8 kg il medico consiglia di aumentare il depakin e portarlo a 300 ml di mattina e 300 ml alla sera. Rifacciamo il cotrollo del sangue e troviamo l'acido valproico a 100, praticamente al limite massimo del range consentito. Si decide allora di diminuire leggermente a 200 + 300 e ripetere l'esame tra un mese. Premetto che attualmente tutte le mattine al risveglio ha una crisi di assenza che dura 10 secondi con leggero irridigimento della quale il bimbo non ricorda minimante nulla e riprende immediatamente quello che stava facendo appena passata. Di giorno non ha più niente a scuola va bene e fa nuoto. A questo punto vorrei avere dei chiarimenti sulla situazione e chiedere se il range 50 - 100 del valore sanguino deve essere rispettato.Grazie per la sicura risposta. RispostaSì, i valori di dosaggio devono entrare nel range terapeutico, per cui il suo medico si è mosso correttamente. Sono un pò perplesso sulla scelta dell'acido valproico, ma non mi permetto di interferire ulteriormente con le scelte del medico che lo ha in cura (innanzitutto perchè è una scorrettezza, poi perchè non ho a disposizione tutti i dati per proporre alternative, compresi quelli obiettivi). Saluti ___________La situazione attuale è questa:Con il nostro bimbo (10 anni 38 kg) siamo arrivati a 1200 ml di depakin e nel giro delle 24 ore ha 5 - 6 crisi per lo più notturne. Le crisi hanno la durata massima di 10 secondi con tremore irrigidemento del corpo sguardo fisso, alcune volte con perdita di urina, poi tutto torna normale ed il bimbo non ricorda niente. Il neurologo mi consiglia di aggiungere alla terapia Depakin alcune gocce di retrovil (3 - 4 gocce) alla sera prima di coricarsi. Adesso abbiamo in programma RM encefalica, EEG ed i soliti esami del sangue che monitoriamo ogni 6 mesi. Mi consiglia inoltre vista la persistenza delle crisi, nonostante il dosaggio in continuo aumento del depakin di sostituirlo con la carmabazepina.Le vorrei chiedere, come mai un anno fa con 400 ml di depakin aveva pochissime crisi (Come le avevo scritto a marzo) e ora nonostante siamo a 1200 ne ha 5 - 6 al giorno e più intense.Le volevo anche chiedere se l'iter terapeutico che stiamo intraprendendo è secondo lei consono alla situazione.Grazie per la sicura collaborazione.
Risposta del medico
Dr. Massimo Barrella
Dr. Massimo Barrella
Specialista in Neurologia
Piccolo preambolo estivo:mi scuso per l'attesa di diversi giorni per le risposte. Sono stato in vacanza. E' capitato, con mio grande rincrescimento, che proprio in quei luoghi non esisteva alcuna possibilità di connettermi in rete. Mi scuso comunque e spero che le risposte che mi accingo a dare siano comunque soddisfacenti. Mi sembra che, se la RM non riserva brutte sorprese, il problema è una scarsa risposta al Depakin. Se il farmaco non è giusto (ma questo purtroppo lo si accerta spesso solo con l'esperienza specifica), le crisi aumentano perchè l'epilessia di fondo agisce indisturbata e talora assume caratteristiche cliniche varianti. Vedrà che cambiando il famaco le cose andranno meglio. Saluti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Ambiente e malattie neurodegenerative: esiste un legame?
Ambiente e malattie neurodegenerative: esiste un legame?
4 minuti
Variante Covid Omicron 5: sintomi e incubazione
Variante Covid Omicron 5: sintomi e incubazione
3 minuti
Masturbazione femminile, perché fa bene?
Masturbazione femminile, perché fa bene?
3 minuti
Gli alimenti che fanno bene alla prostata
Gli alimenti che fanno bene alla prostata
3 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Neurologia
Prov. di Brescia
Specialista in Neurologia
Milano (MI)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Neurologia e Fisiatria
Genova (GE)
Specialista in Neurologia e Farmacologia medica
Termoli (CB)
Specialista in Neurologia e Medicina dello sport
Montesano sulla Marcellana (SA)
Specialista in Neurologia
Olbia (OT)
Specialista in Medicina generale e Neurologia
Pontecagnano Faiano (SA)
Specialista in Neurologia
Sassari (SS)
Specialista in Neurologia
Roma (RM)
Specialista in Neurologia
Giugliano in Campania (NA)