Dormire bene, si sa, è importante per il benessere e la salute di tutto l’organismo, perché favorisce il recupero fisico, intellettuale e psicologico. È dimostrato che un sonno regolare di circa 7-8 ore a notte, aiuta anche a prevenire il diabete, ma in che modo?

 

Come il sonno influenza la comparsa del diabete

Esiste una stretta correlazione tra qualità del sonno e controllo del metabolismo del glucosio nel sangue, responsabile della comparsa di situazioni patologiche come il diabete.

Il nostro orologio biologico è influenzato dai ritmi circadiani – fasi di 24 ore in cui si alternano luce e buio – che comportano un adattamento continuo delle nostre attività fisiche, mentali ed emotive, ed è durante la fase del sonno che il corpo secerne gli ormoni che aiutano a controllare il metabolismo energetico.

Il glucosio è la principale fonte di energia per l’organismo, che risulta circolante in quantità maggiore durante la veglia, mentre si abbassa durante il sonno, quando il metabolismo è rallentato.

Una condizione di sonno irregolare e disturbato prolungata nel tempo, può scatenare una marcata alterazione ormonale tale da influenzare il modo in cui l’organismo processa i livelli di zucchero nel sangue (metabolismo del glucosio) e la secrezione di insulina. Elevati livelli di glucosio nel sangue possono, infatti, esporre i soggetti che dormono poco, ad una situazione di pre-diabete e un rischio maggiore di sviluppare diabete di tipo 2.

Per questo, è fondamentale rallentare i ritmi frenetici della vita e dedicare la giusta attenzione al riposo notturno, mantenendo un bioritmo naturale del sonno.

Cosa fare per dormire meglio?

Per tenere sotto controllo e prevenire il diabete, il sonno è importante quanto l’esercizio fisico e una dieta sana. In caso di problemi di riposo notturno è raccomandato di:

  • consumare cene leggere;
  • essere regolari, provando ad andare a letto e a svegliarsi sempre alla stessa ora, anche durante il fine settimana;
  • concedersi, se necessario, un pisolino pomeridiano piuttosto breve (non più di mezz'ora);
  • evitare luci e rumori in camera, ed impostare una temperatura confortevole perché  più tranquillo e accogliente è il luogo dove si dorme, migliore sarà il riposo;
  • non fare attività fisica prima di dormire (far trascorrere almeno due ore);
  • evitare tv, smartphone e computer prima di coricarsi, in quanto la luce di schermi e monitor non aiutano a rilassarsi e a riposare;
  • non fumare, bere alcolici o bevande alla caffeina prima di andare a letto, perché favoriscono l’insonnia e i risvegli notturni.

Come prevenire il diabete in maniera naturale

Come detto, già migliorando la qualità del sonno, può aiutare a mantenere normalizzati i livelli di glucosio nel sangue e addirittura prevenire il diabete. Ma non solo, è raccomandato seguire anche un corretto stile di vita, a cominciare da:

  • analisi periodiche del sangue per monitorare eventuali alterazioni nei valori glicemici;
  • controllo del peso e del girovita, in quanto sovrappeso e obesità sono fattori di rischio per lo sviluppo di malattie metaboliche come il diabete;
  • ridurre lo stress è fondamentale per evitare l’attivazione del cortisolo, l’ormone responsabile dell’aumento del glucosio nel sangue;
  • svolgere attività fisica regolare aiuta a mantenere il controllo del peso;
  • seguire un’alimentazione sana ed equilibrata, con particolare attenzione a consumare pasti con un carico glicemico basso, inserendo ogni giorno cereali integrali, frutta e verdure in abbondanza, senza dimenticare di bere molto.