26-04-2018

Claritromicina su pazienti con epatite a e b pregressa

Salve In seguito a un infezione nelle vie urinarie e di un dolore al rene accompagnata da brividi e febbre alta (40) mi sono presentata all PS dove mi hanno diagnosticato infezione al rene. In seguito mi hanno prescritto  claritromicina teva da 500 2 volte al giorno. Leggendo il foglio illustrativo è sconsigliato prendere tale medicinale se ha malattie epatiche. Io da piccola ho avuto epatite A e B pertanto sono un po' preoccupata sia della dose sia del medicinale.

Oggi sono al 4 gg e dovrei continuare a prenderlo per altri 3. Oltre al mal di testa, insonnia ho sempre la lingua amara e sono pallida nel viso. È normale? Non è meglio ridurre la dose a 500 o cambiare? Grazie della vostra disponibilità

Risposta di:
Dr. Gabriele Di Lorenzo
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Medicina interna
Risposta

Gentile Signora, la claritromicina è un antibiotico metabolizzato per via epatica. Il mio consiglio è quello di rivolgersi a chi ha prescritto il farmaco. Cordiali saluti

TAG: Epatologia | Farmacologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna | Reni e vie urinarie